Cate Blanchett: una diva di altri tempi

Cate Blanchett: l’attrice di Don’t Look Up è maestra di stile ed eleganza, come le dive del passato

Cate Blanchett nasce nel 1969 a Melbourne, con origini francesi da parte del padre e inglesi da parte della madre. Da adolescente studia danza e pianoforte, e all’età di 18 anni partecipa come comparsa in un film arabo sul pugilato durante un viaggio in Egitto. Da qui sarebbe nato il suo desiderio di iniziare a recitare. Tornata in Australia, si iscrive al National Institute of Dramatic Arts, ottenendo il diploma nel 1992.

Inizia recitando a teatro in alcuni spettacoli anche abbastanza noti come un adattamento dell’Oleanna di David Mamet. Prosegue la sua carriera teatrale e nel frattempo inizia anche a prestarsi alla televisione, dal 1994.

L’esordio sul grande schermo arriva nel 1997, con il film Paradise Road di Bruce Beresford, dove interpreta il ruolo di un’infermiera.

Nel 1998 recita nel film che farà decollare la sua carriera: Elizabeth di Shekhar Kapur, film storico sulla storia di Elisabetta I, figlia di Enrico VIII e di Anna Bolena, che regnò fino al 1603, piena di vicende legate ad intrighi reali e ascese al potere. Il film ottenne 7 candidature ai premi Oscar e Blanchett si portò a casa il Golden Globe come miglior attrice drammatica e una candidatura agli Oscar, tutto questo all’inizio della sua carriera.

Non è difficile immaginare che dopo questo film la carriera di Cate Blanchett si trovò ad un punto di svolta: inizia a prendere parte a tantissime produzioni, tra cui un adattamento della commedia di Oscar Wilde Un marito ideale, ma il ruolo che l’ha fatta rimanere impressa nei cuori del suo pubblico è sicuramente quello della nobildonna elfica Galadriel nella trilogia de Il Signore degli Anelli

Un altro ruolo molto importante nella carriera di Cate Blanchett è sicuramente quello in The Aviator di Martin Scorsese, in cui interpretò Katharine Hepburn. Questa interpretazione le valse un Oscar come migliore attrice non protagonista.

Nonostante la grande versatilità, qualità essenziale per un’attrice del suo calibro, dalla filmografia di Cate Blanchett possiamo intuire la sua predisposizione verso ruoli di carattere storico, in cui i costumi mettono in risalto tutta la sua eleganza.

E così l’abbiamo vista recitare nel Robin Hood di Ridley Scott nelle vesti di Lady Marian, o nel ruolo della matrigna di Cenerentola nella versione live action della famosa favola, oppure nel ruolo di Hela, dea della morte nel film Thor: Ragnarok.

Quest’anno è entrata a far parte del film disponibile adesso su Netflix Don’t Look Up con Leonardo Di Caprio, Jennifer Lawrence e Meryl Streep.

I premi e i riconoscimenti di Cate Blanchett

I premi e i riconoscimenti che ha collezionato lungo tutta la sua carriera sono innumerevoli: sette volte candidata agli Oscar, tre Golden Globe, tre premi BAFTA, tre Critics Choice Awards, una Coppa Volpi al Festival del Cinema di Venezia, e nel 2017 è stata persino nominata dalla Regina Elisabetta in persona come Compagno dell’ordine dell’Australia per i servizi resi in ambito umanitario, artistico e a sostegno dell’ambiente.

Cate Blanchett: modella e testimonial per Armani

Cate Blanchett è un’attrice dal carisma immenso, il cui volto è rimasto impresso nei cuori e nelle menti di milioni di spettatori in tutto il mondo. La sua carriera è andata anche oltre al cinema, lo sa bene Giorgio Armani, che la sceglie come testimonial del suo profumo Si; lo stilista successivamente ha dichiarato che la Blanchett “rappresenta la donna per la quale io creo”, ed è quindi stata soprannominata come la musa di Giorgio Armani.

Non c’è dubbio che Armani abbia dedicato così tanta attenzione alla Blanchet: 52 anni e un fascino irresistibile, come ha dimostrato più volte sui vari red carpet a prime visioni ed eventi speciali, come quest’anno con il suo outfit al Festival del Cinema di Venezia.

Insomma, la Blanchett oltre ad essere una formidabile attrice è anche diventata con gli anni una vera e propria icona di stile, finendo sulle copertine delle maggiori riviste di moda, visto anche il suo desiderio di sperimentazione nella scelta dei vestiti.

Cate Blanchett: Edith Vivian Patricia e altre curiosità

Nel 1997 Cate Blanchett ha sposato il drammaturgo, sceneggiatore e regista Andrew Upton, che aveva conosciuto sul set di un programma televisivo. Da questo matrimonio, la coppia ha avuto quattro figli: Dashiell John, Roman Robert e Ignatius Martin, insieme a Edith Vivian Patricia, adottata nel 2015. La coppia ha anche deciso poi di collaborare insieme condividendo la loro passione per il cinema, fondando la compagnia cinematografica Dirty Films.

Cate Blanchett è anche impegnata in iniziative benefiche, sociali e ambientaliste, come nel 2016, anno in cui divenne ambasciatrice di buona volontà nel commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati.

Tag: