Taylor Swift, i fan al concerto di Seattle causano un terremoto di magnitudo 2.3

Trema la terra a Seattle, nello Stato di Washington. Stavolta però non si è trattato di un fenomeno naturale ma… artificiale. O meglio ancora, degli swifties. Ossia i fan di Taylor Swift, che hanno invaso il Lumen Field per assistere al concerto della loro beniamina. E che hanno causato un’attività sismica pari a un terremoto di magnitudo 2.3 sulla scala Richter. A scriverlo è la Cnn, che cita le analisi della sismologa Jackie Caplan-Auerbach.

Lo “Swift Quake” – Come spiega la testata americana, l’eccesso di entusiasmo dei fan ha creato un effetto terremoto. Il fenomeno è già stato ribattezzato Swift Quake. Non è tuttavia la prima volta che a Seattle si registra un evento del genere. Nel 2011 ci fu infatti il Beast Quake, quando i tifosi della squadra di football Seattle Seahawks esultarono per il touchdown del running back Marshawn Lynch – soprannominato Beast Mode per il suo stile di corsa aggressivo – durante una partita di playoff contro i New Orleans Saints.

La sismologa citata dalla Cnn ha calcolato che la gioia sfrenata dei fan di Taylor Swift ha creato un’attività sismica pari a un terremoto di piccole dimensioni. La studiosa, che insegna geologia alla Western Washington University, ha anche pubblicato su Twitter le sue analisi, con il confronto delle onde sismiche registrate dai sismografi proprio in occasione del Beast Quake. Un confronto che si è rivelato impari.

“Ho raccolto i dati di entrambi i concerti – ha detto Caplan-Auerbach, riferendosi alle performance di Taylor Swift al Lumen Field del 22 e 23 luglio -. Ho notato subito che c’era uno schema di onde praticamente identico”. In pratica, i due sismogrammi sono quasi sovrapponibili. L’unica differenza, spiega la Cnn, è una piccola porzione di grafico pari a 26 minuti, dovuti al ritardo di circa mezz’ora dell’inizio del secondo concerto.

La sismologa sottolinea che i dati raccolti sulle due esibizioni di Taylor Swift possono anche essere stati influenzati da altri aspetti che vanno oltre l’entusiasmo incontenibile dei fan. “La musica, gli altoparlanti, il ritmo: tutta questa energia può penetrare nel terreno e scuoterlo”, ha spiegato alla testata americana.

L’Eras Tour – Per Taylor Swift è un momento davvero d’oro. Impegnata con il suo Eras Tour che si concluderà il 17 agosto 2024, la popstar sta battendo record su record. È infatti diventata la prima artista donna ad avere contemporaneamente ben quattro album della top ten statunitense. Taylor ha anche battuto Barbra Streisand come prima cantante donna con il maggior numero di album numeri uno nella storia.

I quattro album della Swift nella hit parade sono l’ultimo Speak Now (Taylor’s Version), che ha debuttato al primo posto della top ten, a Midnights (al quinto posto), Lover (settimo) e Folklore (decimo). Un record che finora era stato stabilito solo dal trombettista Herb Alpert nel 1966.

Torna in alto