Lizzo ha chiesto di archiviare la causa contro di lei per molestie

Lizzo ha chiesto di archiviare la causa intentata contro di lei da tre ex danzatrici del suo corpo di ballo. Lo scorso agosto Crystal WilliamsArianna Davis e Noelle Rodriguez hanno accusato la cantante di molestie sessuali e di aver creato un ambiente di lavoro ostile nel corso di presunti episodi che sarebbero avvenuti tra il 2021 e il 2023. All’epoca Lizzo aveva negato gli “oltraggiosi” addebiti, e come riportato da Rolling Stone lo scorso mercoledì i legali della popstar hanno negato “ogni accusa” e hanno chiesto l’archiviazione della causa. In caso contrario, Lizzo ha domandato di affrontare la questione in un processo con giuria. Il team legale della cantante ha inoltre affermato che le tre ex ballerine “sono colpevoli di unclean hands”, un termine giuridico che indica l’assenza del diritto a ricevere il risarcimento del danno per mancato adempimento nei termini stabiliti dai loro contratti. “Questo è il primo passo di un procedimento legale in cui Lizzo e il suo team dimostreranno che hanno sempre fatto ciò che hanno predicato – che sia promuovere la body positivity, stimolare un luogo di lavoro sicuro e solidale o proteggere gli individui da ogni tipo di molestia” ha dichiarato a Page Six Stefan Friedman, portavoce della cantante, che ha proseguito: “Tutte le affermazioni contrarie sono ridicole, e non vediamo l’ora di provarlo in una corte di giustizia”. Neama Rahmani, difensore delle accusatrici, ha però replicato: “La risposta di Lizzo consiste semplicemente in obiezioni che non hanno nulla a che fare con il caso. Detto questo, il punto chiave è che Lizzo sta accettando la richiesta dei nostri clienti di un processo con giuria. Non vediamo l’ora di presentare il nostro caso in tribunale e di lasciare che un gruppo di suoi pari decida chi sta dicendo la verità, Lizzo e il suo team che continuano a far vergognare le vittime o le querelanti e i tanti altri che si sono fatti avanti condividendo storie simili di abusi e di molestie”.

I GUAI IN TRIBUNALE RADDOPPIANO

La scorsa settimana anche la fashion designer Asha Daniels, ex membro dell’entourage di Lizzo, ha intentato un’azione legale contro la cantante e altri membri del suo team (incluse la capo-costumista Amanda Nomura e la manager Carlina Gugliotta) per molestie sessuali, discriminazione razziale e di persona disabile, incapacità di impedire un ambiente lavorativo ostile, licenziamento per ritorsione e aggressione che sarebbero avvenute durante The Special Tour. L’annuncio della seconda causa pendente è arrivato nello stesso giorno in cui Lizzo ha ricevuto il Quincy Jones Humanitarian Award, un riconoscimento per l’impegno nella promozione dell’inclusività e della giustizia sociale consegnato in occasione del gala Black Music Action Coalition a Los Angeles. “Avevo davvero bisogno di questo ora” ha detto commossa la popstar alla premiazione. “Continuerò ad essere chi sono, non importa chi stia guardando. Continuerò ad amplificare le voci delle persone emarginate perché ho un microfono e so come usarlo”.

Torna in alto