Caterina Balivo copia Sonia Bruganelli: il suo format sul social, quello di ‘My Next Book’, ideato dal marito Guido Maria Brera, molto simile a quello della bionda, ‘I libri di Sonia’…

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è caterina-balivo-caterina-balivo-sexy-caterina.jpg

Caterina Balivo copia Sonia Bruganelli. Il suo format sul social, quello di “My Next Book”, trasmissione che ogni giorno conduce in diretta su Instagram ideata dal marito Guido Maria Brera, è molto, molto simile a quello della produttrice 46enne, “I libri di Sonia”. Solo che la moglie di Paolo Bonolis ha iniziato a proporlo, sia su Sdl Tv che sull’account social del canale della web tv, da almeno sei settimane fa.

In entrambi i programmi la mora e la bionda si danno appuntamento con scrittori noti o emergenti per parlare di libri e recensirli insieme a loro. La bella 40enne ha uno stile assai differente da quello di Sonia, ma, è quasi impossibile non notarlo: i format sono praticamente uguali…

“Ho deciso di lanciare questo format in cui tu intervisti uno scrittore al giorno che parlerà di un suo libro che tu non hai letto. Si intitolerà ‘My Next Book’ e andrà in onda ogni giorno su Instagram”, aveva annunciato Brera lo scorso 22 marzo. E così è stato.

Ogni giorno Caterina si dà un gran da fare per organizzare al meglio la trasmissione. In casa insieme al marito ha organizzato un set. Quotidianamente è prevista anche una call in video conferenza in cui, insieme ad altri collaboratori, costruisce la scaletta di “My Next Book”.

Sul suo account Sonia Bruganelli pure sponsorizza il suo programma, “I libri di Sonia”, dando appuntamento a lettori appassionati e ai follower che in questi difficile periodo di quarantena a causa dell’emergenza Coronavirus possono trovare svago davanti a un romanzo che possa invogliarli a leggere e a trascorrere più velocemente le giornate. Intento lodevole, sicuramente, a cui ha il merito di aver pensato prima, però.

Come sapete, le nuove regole stabilite dal governo italiano sono stringenti ma assolutamente necessarie. Noi tutti, ma proprio tutti, in qualsiasi regione d’Italia ci troviamo, siamo chiamati a seguirle anche per evitare di incorrere in dure sanzioni (incluso il carcere). E’ quindi assolutamente necessario rimanere in casa. Le uniche eccezioni sono dettate da esigenze di salute (visite mediche non rimandabili, incidenti). E’ poi possibile uscire sporadicamente (meglio se lo fa un solo membro della famiglia una volta a settimana) per andare a fare la spesa nei supermercati, che ricordiamo rimarranno sempre aperti. Non ci sarà mai carenza di cibo (le industrie che producono alimentari stanno lavorando normalmente) quindi è inutile farsi prendere dal panico e comprare più del necessario (sebbene fare una spesa che duri almeno una settimana è più che consigliato per limitare le volte in cui sarà necessario uscire nuovamente per rifornirsi).

gossip.it

Tag:, , ,