Incredibile, ma vero. Arrestato lo zio di Rihanna: vendeva capi della nipote contraffatti

La “capsule collection” della popstar, in collaborazione con Puma, ha avuto grande successo

È stato arrestato con l’accusa di aver venduto pezzi contraffatti di una linea di abbigliamento e accessori firmata dalla nipote.

Lui è zio Leroy, la nipote è la popstar Rihanna.

Leroy Fitzgerald Brathwaite è stato fermato e poi rimesso provvisoriamente in libertà per aver distribuito versioni contraffatte di slipper e t-shirt della collezione Fenty PUMA by Rihanna. La capsule collection della popostar, nata dalla collaborazione con Puma, ha avuto un incredibile successo, tanto che una serie di imitazioni dei capi e degli accessori della linea è stato venduto nelle bancarelle di tutto il mondo.

E quest’idea l’ha avuta anche zio Leroy che avrebbe commerciato alle Barbados la merce contraffatta. Quando, lo scorso maggio, la cantante è tornata nella sua isola natale, si è accorta che alcune bancarelle vendevano falsi della sua collezione e ha contattato un rappresentante di Puma. Quest’ultimo, dopo aver effettuato alcune verifiche, ha avvisato le forze dell’ordine che sono arrivare fino a zio Leroy.

Il 53enne si è dichiarato innocente e sarà processato a partire da domani (oggi, ndr).

Marianna Di Piazza, Il Giornale.it

Tag:accessori della linea, bancarelle, barbados, Fenty PUMA, imitazioni dei capi, isola natale, Leroy Fitzgerald Brathwaite, merce contraffatta, mondo, pezzi contraffatti, popstar, rihanna, zio

Posting....
Exit mobile version