Radio, Sergio (Rai) critica l’indagine Ter sugli ascolti

Oggi il Tavolo editori radio renderà pubblici i dati di ascolto delle emittenti radiofoniche italiane nel secondo semestre 2019 e nell’anno 2019.

Una indagine, quella realizzata da Gfk Italia e Ipsos, sulla quale da tempo ha una posizione molto critica Roberto Sergio, direttore di Rai radio.

Il quale preannuncia pure una possibile fuoriuscita dei canali Rai da Ter: «Sono molto curioso di vedere questa volta cosa uscirà da un sistema di rilevazione non adeguato a fotografare la realtà. Ogni volta si assiste a una lotteria, con dati altalenanti senza alcuna motivazione reale, se non quella della pressione fatta in termini di comunicazione dalle singole radio».

Oltre alle lamentele, tuttavia, da Rai arriva un aut aut: «Sono mesi che ribadiamo le stesse critiche al sistema senza che nulla cambi.

Da adesso fino all’estate prossima c’è ancora il tempo necessario per aggiornare la ricerca. Se così non sarà», minaccia Sergio, «non potremo che decidere di conseguenza».

La situazione di stallo si è venuta a creare dopo che i soci Ter hanno votato la prosecuzione dell’indagine 2020 nelle stesse modalità del 2019 (con il voto contrario della sola Rai), «nonostante il grande lavoro che ha svolto il presidente di Ter, Marco Rossignoli, sia nella mediazione fra le varie posizioni, sia nella amministrazione della società, oggi con un bilancio in salute.

Purtroppo», conclude Sergio, «per effettuare modifiche alla ricerca è necessaria la maggioranza dell’80% dei soci, una soglia che, almeno fino a oggi, ha di fatto paralizzato la società, bloccando qualsiasi iniziativa migliorativa».

ItaliaOggi

Tag:, , , ,