Bong Joon-ho, tra Morandi e Al Bano

Palma d’oro, “La lotta tra ricchi e poveri è universale”

Ama Gianni Morandi, ma somiglia ad Al Bano giovane e vive a Seul. Il cinquantenne Bong Joon-ho, prima Palma d’oro della Corea del Sud con ‘Parasite‘, è un uomo che non manca di spirito e non potrebbe essere altrimenti.Ha portato sulla Croisette una commedia nera che di più non si può e che ricorda quelle all’italiana davvero cattive, alla Risi. Di scena una lotta tra ricchi e poveri in una Seul, una delle città più popolose del mondo con oltre venti milioni di abitanti, dove tra povertà e ricchezza corre una lunga distanza.”Non è vero che l’umorismo tipico dei coreani non sia compreso all’estero”, sottolinea soddisfatto Bong Joo alla conferenza stampa dei vincitori , “una storia familiare di lotta tra ricchi e poveri è qualcosa di universale, comprensibile per gli spettatori di tutto il mondo”.Ma chi è il regista del film che sarà distribuito in Italia da Academy Two (il distributore ha, tra l’altro, accolto la richiesta del regista di conoscere Morandi che a sua volta ha accettato)? Figlio di un designer, laureato in sociologia all’Università Yonsei, appassionato di cinema sin dall’adolescenza, e amante di registi come Shōhei ImamuraeHou Hsiao-hsien, Bong Joon-ho nel 2003 con il giallo, Memories of Murder vince a San Sebastiáne Torino. Nel 2006 gira poi il film campione di incassi’The Host’, che passa proprio al Festival di Cannes, nel 2011, sempre sulla Croisette è presidente di giuria della Caméra d’or. Nel 2013 dirige Snowpiercer e due anni fa torna al festival di Cannes, non senza polemiche con ‘Okja’ prodotto da Netflix. Come tanti scrittori meridionali, prende ispirazione nei bar: “Mi piace – dice – andare al bar, mettermi in un posto d’angolo e ascoltare quello che dice la gente. C’è sempre tanto da imparare”. Sui diversi riferimenti e battute alla temuta Corea del Nord, spiega: “Ci scherziamo sempre su queste cose e soprattutto sui bunker super attrezzati che sono molto comuni nelle ville dei ricchi e che sono aumentati con la paura di attacchi nordcoreani”.L’ispirazione, racconta, gli è arrivata con questa domanda: “cosa accadrebbe se due famiglie – una ricca e una povera, che occupano quartieri molto diversi – si incontrassero? Cosa accadrebbe poi se quei due mondi dovessero alla fine scontrarsi?” . Il fatto poi che ci sia stata unanimità da parte della giuria “Mi ha reso veramente felice”, dice Bong Joon-ho che cita tra i suoi riferimenti Chabrol e Hitchcock. Anche perché, aggiunge, “io faccio film di genere e non è affatto scontato che siano apprezzati”.

Francesco Gallo, Ansa

Tag:, , , , , ,