Netflix è vittima del pregiudizio. Non può concorrere a Cannes

Netflix non sarà in concorso al prossimo festival cinematografico di Cannes. Il colosso dello streaming audiovisivo, che ha prodotto serie come “House of Cards” e “Orange is the New Black”, non potrà ambire ad alcuna Palma d’oro nella prossima edizione della rassegna, in programma dall’8 al 19 maggio. Lo ha detto il direttore artistico della manifestazione francese, Thierry Fremaux, secondo quanto riferito dall’Hollywood Reporter. Netflix potrà mostrare film, ma fuori concorso.

“L’anno scorso, quando ho selezionato due film di Netflix, speravo di poter convincere la compagnia a farli uscire nei cinema”, ma “sono stato presuntuoso: ha rifiutato”, ha affermato Fremaux, che nei giorni scorsi ha anche annunciato un divieto di selfie al festival. “La gente di Netflix ha amato il red carpet e vorrebbe essere presente con altri film” anche quest’anno, “ma capirà che l’intransigenza della sua politica è l’opposto della nostra”.

Netflix ha preso parte al festival di Cannes per la prima volta nell’edizione del 2017, quando è stata in concorso con due film: “Okja” di Bong Joon-ho e “The Meyerowitz Stories” di Noah Baumbach. La partecipazione della compagnia americana aveva però fatto scoppiare una dura protesta dei cineasti e delle associazioni di categoria francesi.

La contestazione aveva portato Fremaux a scrivere in tutta fretta una nuova regola, valida da quest’anno, che vieta di essere in concorso alle pellicole non destinate all’uscita nelle sale. In linea con questo orientamento è Steven Spielberg. Il regista ha recentemente dichiarato che i film di Netflix, al pari di quelli di Amazon e di Hbo, possono vincere un Emmy, cioè un premio televisivo, ma non un Oscar.

ANSA

Tag:amazon, concorso, Emmy, HBO, netflix, opposto, oscar, pellicole, regola, sale, selfie, steven spielberg

Exit mobile version