Massimo Giletti torna in Rai: «Sono a casa, ma in prova»

Massimo Giletti fa ritorno a Rai dopo l’amara separazione da L’Arena nel 2017. L’occasione è una serata intitolata “La tv fa 70″, celebrativa dei 70 anni della televisione italiana, in onda mercoledì 28 marzo su Rai 1. La lista degli ospiti è lunga e illustre, da Pippo Baudo a Maria De Filippi, da Gianni Minoli a Fiorello e Amadeus, da Carlo Conti a Renzo Arbore. Giletti, in conferenza stampa, menziona il desiderio di avere anche Fabio Fazio tra gli ospiti, sebbene non abbia ricevuto risposta, esprimendo un senso di delusione umana.

Questa serata si preannuncia come un momento d’intrattenimento, un omaggio al passato e al presente della televisione italiana. Giletti sottolinea che non seguirà lo stile di “Techetechete”, cercando un equilibrio tra nostalgia e contemporaneità.

Giletti, visibilmente commosso, afferma che ritornare a Rai è un momento carico di emozioni, incontrando le persone con cui ha condiviso una vita lavorativa. Sottolinea che non si tratta di una rivincita, ma di una nuova fase della sua carriera, arricchita dalle esperienze passate.

Quanto al futuro in Rai, Giletti si dice in prova e non ha ancora firmato alcun contratto. Parla di possibili nuove serate evento e di eventuali programmi domenicali, ma tutto è ancora incerto. Esprime il desiderio di concentrarsi sul proprio lavoro e auspica un clima lavorativo che valorizzi i contenuti e dia voce a opinioni differenti. Riguardo alle inchieste, dichiara che è troppo presto per fare previsioni.

Giletti risponde alle voci di chi si stupisce del suo ruolo a capo di “La tv fa 70”, sottolineando che l’invidia è parte del gioco e che ha dedicato 26 anni della sua vita professionale a Rai, non lasciando la rete per propria scelta. Conclude con un augurio di buona fortuna per il suo ritorno.

Torna in alto