Scoperta la causa del deterioramento de “L’Urlo” di Munch

Dopo il recupero del dipinto, è stato raramente esposto al pubblico ed è protetto nel museo con condizioni controllate di luce, temperatura (circa 18 gradi) e umidità relativa (50%). Il nuovo studio aggiunge nuove speranze per salvare questo lavoro

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è lurlo-di-munch.png

Un team internazionale (Italia, Germania, Stati Uniti, Francia) e del Munch Museum guidati dal Comitato Nazionale delle Ricerche (CNR) sono giunti alla conclusione che sarebbe l’umidità la causa del deterioramento de L’Urlo di Munch dopo aver analizzato i micro-campioni di vernice con l’aiuto di un acceleratore di particelle.

La nuova indagine, i cui risultati sono stati pubblicati questa settimana sulla rivista scientifica Science Advances, ha concluso che il solfuro di cadmio usato nel giallo si ossida e si sbiadisce con alti livelli di umidità, causando il degrado della vernice.

Gli esperti ritengono che la luce – che per lungo tempo è stata identificata come la causa principale della gradazione di questo lavoro, portando persino alla conservazione del dipinto al buio – abbia un’influenza minima sulla conservazione dei colori.

Per questo motivo, gli esperti sottolineano la chiave per salvare l’iconico dipinto: un’umidità dell’aria inferiore al 45% è essenziale affinché la pittura possa essere visualizzata senza rischiare il degrado e la luce possa continuare a valori normali.

“La microanalisi ci ha permesso di scoprire il motivo principale del declino della condizione, che è l’umidità. Abbiamo anche scoperto che l’impatto della luce sul dipinto è ridotto. Sono molto contento dei risultati del nostro studio e di come possa contribuire a preservare questa famosa opera d’arte”, afferma una delle coordinatrici dello studio, Letizia Monico.

“Questi risultati portano nuove conoscenze e si permettono le regolazioni da effettuare nella strategia di conservazione del museo“, ha aggiunto Irina Sandu, scienziato conservatore presso il Museo Munch, in un risultato che sottolinea la proficua cooperazione tra scienza e arte.

“Questo studio dimostra che l’arte e la scienza sono indissolubilmente legate e che la scienza è in grado di aiutare a preservare le opere d’arte in modo che il mondo possa continuare ad ammirarle per molti anni“, ha affermato Costanza Miliani, scienziata e co- autore dello studio.

Lo studio può aiutare a preservare questa importante opera del XX secolo, che si ammette sia stata completata nel 1910, in possesso del Museo Munch, e che raramente è esposta al pubblico a causa del suo progressivo degrado.

“L’Urlo” è uno dei dipinti più famosi dell’era moderna, essendo stato adottato dalla cultura pop in tutto il mondo, che ha contribuito alla sua riproduzione in tutti i tipi di oggetti e vestiti, dalle tazze alle “magliette”. L’immagine è stata interpretata come una rappresentazione simbolica dell’ansia e dell’angoscia umana ed è vista come un’interpretazione personale dell’artista norvegese che ha aperto la strada alla corrente espressionista.

Esistono diverse versioni dell’opera di Munch (1863-1944), vale a dire due dipinti, due opere in pastello, diverse litografie e alcuni disegni e schizzi. Il primo dipinto, datato 1893, è nella Galleria Nazionale di Norvegia, sempre a Oslo. Il Munch Museum contiene la seconda versione, del 1910, e un pastello che si ritiene sia stato uno studio dell’originale. Un secondo pastello, datato 1895, detenuto da un collezionista privato, è stato venduto all’asta da Sotheby’s, nel 2012, per circa 120 milioni di dollari (vicino a 111 milioni di euro, al cambio attuale).

Gli esperti ritengono che, nelle due versioni più conosciute dell’opera – i dipinti del 1893 e del 1910 – l’artista cercasse e trovasse i colori esatti per rappresentare la propria esperienza, mescolando tempera, olio e pastello, con brillanti pigmenti sintetici per dare origine ai “colori urlanti” per i quali è noto.

Tuttavia, i materiali utilizzati per creare questa speciale luminosità che l’ha resa famosa sono stati una sfida per i tecnici del restauro per preservare le opere a lungo termine. La versione che appartiene al Munch Museum, a Oslo, è l’opera che presenta il maggior numero di problemi. Mostra chiari segni di degrado in diverse aree, tra le nuvole del paesaggio e sul collo della figura centrale, non solo per i materiali utilizzati, ma anche per il furto del 2004, in seguito al quale non è stato protetto da due anni.

Dopo il recupero del dipinto, è stato raramente esposto al pubblico ed è protetto nel museo con condizioni controllate di luce, temperatura (circa 18 gradi) e umidità relativa (50%). Il nuovo studio aggiunge nuove speranze per salvare questo lavoro.

Infinitynews.it

Tag:, , , , , , , ,