Rai dice addio alla Formula 1

La tv di Stato abbandona il mondiale di automobilismo

Un’immagine d’archivio della Formula 1

Non sono bastati gli ascolti elevati anche nell’ultima stagione – in media oltre 5 milioni di telespettatori – a convincere i vertici Rai a mantenere i diritti del secondo sport più visto in televisione in Italia, l’automobilismo. Il mondiale di Formula Uno abbandona infatti gli schermi Rai – eccetto il Gran Premio d’Italia a Monza – per approdare interamente a Sky e in chiaro, ma soltanto per quattro gare «live», su Tv8, emittente del gruppo che già trasmette il motomondiale.

Dopo aver lasciato per la prima volta alla concorrenza i Mondiali di calcio a causa dell’assenza dell’Italia da «Russia 2018», la Rai cede quindi un altro pilastro della programmazione sportiva nonostante la presenza della Ferrari pronta con Vettel a contrastare l’egemonia di Hamilton, il campione del mondo ospite un mese fa di Fabio Fazio nella prima serata di Raiuno indotto da cospicuo cachet (si parla di 150 mila euro).

Il Mondiale si apre il 25 marzo a Melbourne, in esclusiva su Sky. Ventuno le prove in calendario, a Monza si corre il 2 settembre.

Daniele Cavalla, La Stampa

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,