Il 28 ottobre, Gloria Guida tornerà in tv: presenterà, per Rai3, il programma “Le Ragazze”

Ci sono due storie che mi hanno toccata, anche se sono tutte uniche e straordinarie: quella di una balia, mi son domandata se quel mestiere era dentro di me, è un modo molto bello di donarsi agli altri. E poi mi sono commossa a sentire la storia di Sultana Razon, vedova del professor Umberto Veronesi, sopravvissuta al campo di concentramento di Bergen-Belsen che ha sposato questo luminare oncologo che tutto il mondo ci invidia. Un amore il loro totalizzante, ma anche pieno di insidie. Il professore ha subito molto il fascino di altre donne, senza però mai abbandonare la moglie”. E’ Gloria Guida che debutta come conduttrice tv a 62 anni: “e me li tengo stretti – dice sfoggiando un sorriso disarmante e un fisico da far invidia a una trentenne – è un bellissimo momento della mia vita”.

Dopo cinema, fiction, teatro, compresa la partecipazione come concorrente nel 2012 a Tale e Quale show, tra stop and go è arrivato il momento di “rimettersi in gioco, perché non è mai troppo tardi”. Dopo essere stata in gioventù tra le più celebri icone della commedia sexy soft all’italiana, l’attrice esordisce su Rai3 alla guida del programma ‘Le Ragazze’, realizzato da Pesci Combattenti, sei prime serate in onda la domenica dal 28 ottobre alle 21.10 “Dopo il successo de Le Ragazze del ’46 e Le Ragazze del ’68, Le Ragazze tornano su Rai3, a partire da domenica 28 ottobre, questa volta in prima serata – spiega Coletta – un altro appuntamento che si inserisce a pieno titolo nel lavoro di innovazione che la Rete sta portando avanti sul racconto della società e dei suoi protagonisti – con grande attenzione alle donne, a cui la rete sta dedicando ampio spazio nella programmazione domenicale – in un ritmato contrappunto tra memoria e presente che metta in condizione il pubblico, anche quello giovane, di riannodare i fili della storia del nostro paese, in cui fondamentale è stato il contributo delle donne. Questa volta il titolo sarà semplicemente Le Ragazze, perché il programma spazia nella storia dell’Italia dagli anni ’40 ad oggi”.

Saranno sei le protagoniste per ogni puntata e racconteranno l’evoluzione del Paese ognuna dal proprio punto di vista. Sarà Gloria Guida ad accompagnare i telespettatori nelle vite ordinarie e straordinarie di queste donne che hanno lasciato un’impronta nella nostra società. Le Ragazze sarà quindi un lungo viaggio nella memoria e anche un lungo viaggio nella storia sociale italiana. Una narrazione che vuole essere individuale e collettiva al tempo stesso. Vite spesso distanti tra loro, geograficamente e culturalmente, ma idealmente unite da un unico afflato esistenziale, da un unico desiderio di affermarsi e di esistere in quanto donne. I racconti proposti in questa nuova serie spazieranno dalla Storia al costume, dalla moda ai diritti civili, dalla politica all’arte e allo spettacolo. “Come filo conduttore, c’è sempre l’immagine del papà – spiega Gloria Guida – questo ricorre in molte storie, nel bene e nel male. La figura del padre è sempre molto presente e ciò accompagna anche me. Se non fossi stata la conduttrice, avrei potuto raccontare tanti momenti della mia vita”. Stefano Coletta: “Io andai a vedere Gloria al Sistina, ero un ragazzo, in Accendiamo la lampada. Era bellissima e anche molto brava a ballare e recitare. Fui testimone della nascita del suo amore con Johnny Dorelli”. L’attrice confesserà più tardi che il prossimo anno con suo marito festeggeranno 40 anni di amore insieme, “Johnny è sempre stato molto attento alle mie scelte, direi severo, quindi cerco di calibrare con eleganza le mie partecipazioni. Ma in questo caso non vede l’ora di guardare la prima puntata”.

A chi le chiede di ricordare un momento della sua gioventù risponde: “Avevo solo 12 anni, mio padre mi spinse praticamente su un palco in un locale. Cantai A chi. Ci fu un applauso pazzesco da tutto il pubblico. Io scappai imbarazzatissima”. Il modello cui si è ispirata Gloria Guida per prepararsi a condurre? “Alberto Angela”, ammette conversando con i cronisti a margine della presentazione a Viale Mazzini. “Non sono – precisa – una megalomane, è solo che apprezzo molto come si rivolge ai telespettatori e mi piacciono i suoi programmi”. Tra le Ragazze di questa edizione ci saranno anche Sara Simeoni, Simonetta Agnello Hornby, Sultana Razon Veronesi, Irene Grandi, Laura Efrikian, Alba Parietti, Flavia Perina, Francesca Vecchioni.

Nicoletta Tamberlich, ANSA

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,