Ultime dal fronte degli ascolti. Canale 5 traina Mediaset

In autunno la rete è al 16,5% nelle 24 ore e al 17,2% in prima serata sul target commerciale

Il gruppo punta a chiudere l’anno con una raccolta a +0,5%

In settembre il gruppo Mediaset ha intercettato il 60% degli investimenti pubblicitari destinati al mezzo televisivo e punta a chiudere l’anno con una raccolta in crescita dello 0,5% sul 2016, rispetto a un comparto del piccolo schermo che dovrebbe invece registrare un calo superiore al 2%. Certo, la concorrenza è grande, gli attacchi arrivano da più fronti (nuovi canali generalisti, proliferazioni di tv in chiaro, pay tv, contenuti in streaming), ma, per il momento, la grande corazzata di Cologno Monzese sembra tenere.

Trainata soprattutto da Canale 5: lunedì, per esempio, il Grande Fratello Vip ha incassato il 29,1% di share; oppure il nuovo game show di Gerry Scotti, The Wall, in onda nella fascia preserale dal 20 novembre, ha registrato una share del 23,82% che sale al 26% sul target commerciale. Numeri e ampiezza di pubblico che nessuna altra offerta televisiva commerciale riesce ad assicurare con costanza, giorno dopo giorno. Nel periodo autunnale, dal 10 settembre al 18 novembre, sul target individui Canale 5 è allo stesso livello di Rai 1 sulle 24 ore (attorno al 16,5% di share), e deve inseguire in prima serata (16,2% rispetto al 19% della ammiraglia Rai). Nel day time, ovvero dalle 8.45 alle ore 20, Canale 5 è davanti, con il 17,3% rispetto al 15,4% di Rai 1.

Analizzando, invece, il solo target commerciale, quello che i pubblicitari usano per i loro investimenti, Canale 5 è al 16,5% sulle 24 ore (Rai Uno al 12,2%) e sale al 17,2% in prima serata, rispetto al 15,4% del concorrente di viale Mazzini.

Se quando era nato, nel 1980, Canale 5 aveva usato molto la leva del profilo internazionale e moderno, da contrapporre allo strapaese Rai (il simbolo del Biscione, in quegli anni, era la serie tv Dallas), ora invece la strategia si è capovolta: come più volte spiegato dall’amministratore delegato di Mediaset, Pier Silvio Berlusconi, «l’autunno 2017 punta sui contenuti italiani esclusivi, caldi, in diretta, con star di prima grandezza, quelli che piacciono alle grandi platee», e che rappresentano l’unica vera diversità rispetto all’offerta di colossi dai contenuti globali on line come Netflix, Google, YouTube o Amazon.

La giornata di Canale 5 parte con Mattino Cinque, 14% di share medio, prosegue con Forum (16,2%), poi le telenovelas alla Beautiful (17%), Una Vita (17,5%), Il Segreto (23,2%), quindi arriva Maria De Filippi con Uomini e donne (21,5%) e poi Barbara D’Urso con Pomeriggio Cinque (18,6%). Il preserale, con i game, e l’access prime time, con Striscia la Notizia, sono attorno al 18,5% di share medio, poi ecco le prime serate di intrattenimento, con il Grande Fratello Vip che viaggia a medie del 25%, e Tu si que vales che è al 27,7% medio. Oppure la fiction, che dopo un periodo di crisi torna a sorridere anche a Mediaset: Rosy Abate al 20,2%, L’Isola di Pietro al 17,8% medio. Nel fine settimana, inoltre, Verissimo è una certezza, col suo 20% medio, e Domenica live surclassa la concorrenza Rai di dieci punti di share, tanto che la Domenica In delle sorelle Parodi è stata sospesa per due settimane, in attesa di ripensamenti.

In effetti, se si dovesse trovare una reale differenza tra Canale 5 e le altre tv generaliste, balza subito all’occhio la squadra di talenti: le grandi star di Mediaset restano a Cologno, con una gestione aziendale capace di smussare dissapori o polemiche, e di tenere insieme, sotto uno stesso tetto, Antonio Ricci, Maria De Filippi, Gerry Scotti, Michelle Hunziker, Ilary Blasi, Alessia Marcuzzi, Silvia Toffanin, Piero Chiambretti, Barbara D’Urso, Ezio Greggio, Federica Panicucci, Paolo Bonolis ecc. La Rai, invece, non sta costruendo nuove star, perde Massimo Giletti e Milena Gabanelli, trattiene Fabio Fazio a tutti i costi e lo sposta su Rai 1, dove fatica. Mentre chi anche prova a lasciare Mediaset per la Rai, come la Gialappa’s band o Nicola Savino, poi torna indietro.

Se il trimestre settembre-novembre è andato bene da un punto di vista degli ascolti, Canale 5, rete diretta da Giancarlo Scheri, prova a non arretrare neppure in dicembre, con un palinsesto che parte dalla domenica con la fiction Rosy Abate, e, a seguire nei giorni successivi, l’esordio di Music con Paolo Bonolis, la finale del Grande Fratello Vip, la partita di Champions league, l’esordio della fiction Sacrificio d’amore, e la finale di Tu si que vales.

Claudio Plazzotta, ItaliaOggi

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,