Vladimir Luxuria: “Mi sentivo responsabile dell’infelicità dei miei”

 

Ospite della Casa del Grande Fratello 16, Vladimir Luxuria ha avuto modo di raccontare ai ragazzi come è riuscita ad accettare la sua vera indole, senza nascondere il dolore per la sofferenza causata ai genitori.

A differenza della madre e del padre, che hanno dovuto lottare con i pregiudizi della gente, le sorelle di Vladimir hanno accettato fin da subito la vera natura della Luxuria. “Ho sentito tanto gli sguardi degli altri – ha rivelato lei ai ragazzi del GF, confermando di aver ricevuto insulti soprattutto dagli uomini – . E anche le botte…ma non voglio fare del vittimismo, perché ormai ho superato tutto”. I ricordi di Vladimir, quindi, continuano e si fermano ad uno dei momenti che hanno maggiormente segnato la sua giovinezza.

“Un giorno ero in paese e indossavo abiti femminili. Passò mio padre con un amico che gli fece cenno come per dire: “Guarda quel ricchione!”. Mio padre girò lo sguardo e vide che ero io, suo figlio”: inizia così la rivelazione per la quale Vladimir Luxuria non è riuscita a trattenere le lacrime. “Quello sguardo è durato pochi secondi, ma sapevo che dovevo tornare a casa e affrontare la situazione – ha continuato lei che, tornata a casa, ha assistito ad un lungo litigio tra i genitori – Mi sono sentita responsabile dell’infelicità di coloro che mi avevano messa al mondo, che mi avevano dato da mangiare e fatto crescere”. L’ospite del GF, circondata dall’affetto dei ragazzi della Casa, si è lasciata andare alla commozione e ha aggiunto: “Mi chiudevo sola nella mia cameretta, pensavo di essere senza futuro e ho anche pensato di farla finita. Poi, nei momenti bui, il barboncino Dolly mi ha dato una carica e ho ripreso a vivere”.

Luana Rosato, Ilgiornale.it

Tag:giovinezza, grande fratello, Paese, ricordi, vladimir luxuria

Exit mobile version