‘Puoi baciare lo sposo’ in anteprima al Massimo

L’associazione contro i pregiudizi e le discriminazioni Diversity e il Lovers Film FestivalTorino LGBTQI Visions presentano in anteprima nazionale, il 27 febbraio alle 21.00 a Torino, al Cinema Massimo – Sala 1, Puoi baciare lo sposo di Alessandro Genovesi. La commedia sul matrimonio omosessuale con Diego Abatantuono, Monica Guerritore, Salvatore Esposito, Cristiano Caccamo, Dino Abbrescia, Diana Del Bufalo, Beatrice Arnera, Rosaria D’Urso, Antonio Catania e Enzo Miccio, che sarà al cinema dal 1° marzo. La proiezione, gratuita fino a esaurimento posti, sarà seguita da un dibattito a cui interverranno il regista Alessandro Genovesi, i protagonisti Cristiano Caccamo e Salvatore Esposito, la presidente di Diversity, Francesca Vecchioni e il presidente e la direttrice del Lovers Film Festival, Giovanni Minerba e Irene Dionisio. Antonio (Cristiano Caccamo) e Paolo (Salvatore Esposito) vivono a Berlino, decidono di sposarsi e di tornare insieme in Italia, a Civita di Bagnoregio, per comunicare questa decisione ai genitori di Antonio: la madre Anna (Monica Guerritore) e il padre Roberto (Diego Abatantuono), il sindaco progressista del paese che ha fatto dell’accoglienza e dell’integrazione i punti di forza della sua politica. Ai due innamorati si uniscono a sorpresa la loro bizzarra amica Benedetta (Diana Del Bufalo) e il nuovo e stressato coinquilino Donato (Dino Abbrescia). La madre Anna accetta subito l’intenzione del figlio di unirsi civilmente a Paolo, a patto che vengano rispettate tutte le tradizioni e alcune condizioni: alle nozze dovrà partecipare la futura suocera, bisognerà invitare tutto il paese, dell’organizzazione si dovrà occupare Enzo Miccio, wedding planner per eccellenza, e i ragazzi dovranno essere uniti in matrimonio dal marito, con tanto di fascia tricolore. Fondati i presupposti del matrimonio, non resta che chiedersi se la madre di Paolo, Vincenza (Rosaria D’Urso), parteciperà alle nozze e soprattutto se Roberto sosterrà la scelta di suo figlio.

Cinecittànews

Exit mobile version