Iggy Pop, la Rock Star torna in concerto a Milano

È fissato per lunedì 17 luglio 2023 al TAM Teatro Arcimboldi di Milano lo speciale appuntamento con cui l’Iguana del Rock tornerà finalmente in concerto a Milano dopo tanto tempo

Lo avevamo ascoltato per l’ultima volta dal vivo a Palazzo Tè, a Mantova, alla fine del mese di agosto del 2022, e il prossimo 17 luglio a Milano lo rivedremo esibirsi live al teatro Arcimboldi. Un appuntamento da non perdere con una leggenda vivente della musica Rock, che non ne vuole sapere di invecchiare e che ha ritrovato come per incanto l’aggressività e l’energia dei giorni migliori. In scaletta i brani più conosciuti del suo repertorio con l’aggiunta di alcuni brani nuovi, tratti da Every Loser, il disco pubblicato lo scorso gennaio e prodotto da Andrew Watt per la Gold Tooth Records. Virgin Radio sarà la radio ufficiale del concerto di Iggy Pop e la Free Band.

IL DISCO E IL TOUR

Lui per primo era sicuro che, dopo aver varcato la soglia dei 65 anni d’età, si sarebbe calmato un po’, ma non è stato affatto così: adesso di anni ne ha 76, a gennaio ha fatto uscire un nuovo disco, intitolato Every Loser ed è poi ripartito in tour, prima negli Stati Uniti e poi in Europa. Stiamo parlando di James Newell Osterberg, alias Iggy Pop, the Man from Detroit, leader dei seminali Stooges con i quali ha fatto conoscere al mondo le note devastanti della sua musica, una fragorosa miscela di hard rock e di heavy blues che ha scosso le mente delle giovani generazioni. 

UNA LEGGENDA

Da molti considerato il pioniere del Punk o il precursore del movimento “grunge” Iggy, che non ha mai amato le etichette, si è limitato ad affermare che gli sarebbe piaciuto ascoltare una musica fatta in un certo modo e ha voluto mettersi alla prova in prima persona. Ha esordito come batterista negli Iguanas, poi è stato chiamato a far parte dei Prime Movers, una band molto interessante che proponeva “blues bianco”, e infine ha formato gli Stooges, con i fratelli Ron e Scott Asheton, rispettivamente chitarra elettrica e batteria, e con Dave Alexander, al basso. Inizialmente la band apriva i concerti degli Mc5, poi si è costruita una dimensione propria e ha pubblicato tre album epocali come The StoogesFunhouse e Raw Power. Il resto è storia: lo scioglimento della band, il silenzio discografico e la riabilitazione fino alla rinascita con David Bowie. Dal 1977 in poi inizia con The Idiot e con Lust For Life una lunga carriera solista che ha portato alla pubblicazione di album fantastici, fra i più recenti Post Pop Depression del 2016 e Free del 2019, due dischi molto diversi fra loro, che indicano sia la grande maturità compositiva che la totale libertà espressiva raggiunta da Iggy. 

Torna in alto