Barra delle Notizie

Ignazio Moser: “Il malore? Tutta colpa di un parassita”

“Sto male, devo curarmi”. È passato oltre un mese da quando Ignazio Moser ha scritto queste parole sulla sua pagina Instagram, annunciando ai suoi seguaci di doversi prendere una pausa dai social network per guarire. Quale fosse il problema di salute, che lo aveva portato a perdere molto peso in pochi giorni e ad avere forti dolori, però lo sportivo non lo ha mai rivelato. Fino a poche ore fa, quando Moser ha deciso di rompere il silenzio.

Che le sue condizioni di salute fossero tornate buone, i fan lo avevano già capito dalle foto e dai video che Ignazio Moser condivide quotidianamente sulle sue pagine social. Gli impegni professionali in giro per l’Italia e i viaggia all’estero insieme alla sua fidanzata, Cecilia Rodriguez, hanno dimostrato che il peggio per lui era passato. Un momento difficile, durato alcune settimane, del quale ha deciso di parlare nelle ultime ore. Il ciclista ha risposto alle domande curiose di alcuni follower attraverso le sue Storie Instagram e ha rassicurato gli utenti sulla sua salute, confermando di avere superato il problema fisico che lo ha costretto a curarsi. “Fortunatamente ora sto bene”, ha chiarito Ignazio Moser condividendo una foto, scattata a inizio ottobre, nella quale si mostra visibilmente dimagrito e provato.

L’ex gieffino ha spiegato di avere contratto un parassita intestinale, che gli ha provocato forti disturbi compresi la rapida perdita di peso. Una forte infezione dovuta non a un banale virus ma a un parassita, che può finire nell’organismo bevendo acqua o ingerendo cibi contaminati, che ancora oggi né i medici né Moser sanno come possa avere contratto: “Non si è ancora capito dove e come ho preso questo parassita intestinale. Ma l’importante è che ora la cosa sia superata, sono tornato a mangiare e ad allenarmi come prima e più di prima”.

L’esperienza estrema vissuta all’Isola dei famosi – nella quale aveva già perso molto peso – non sembra essere tra le dirette conseguenze dell’infezione, nonostante l’area geografica si presti a contagi di questo tipo. Certo è che quanto vissuto da Moser ha lasciato strascichi: “Questa brutta esperienza mi ha insegnato che i supereroi esistono solo nei film della Marvel e che tutti noi abbiamo dei limiti che dobbiamo ascoltare e non tentare sempre di superare”. A settembre, infatti, lo sportivo aveva confessato di non sentirsi nel pieno della forma, ma a quell’epoca avrebbe sottovalutato i sintomi che iniziavano a manifestarsi.

Novella Toloni, ilgiornale.it

Tag:, ,