Sciopero sceneggiatori Hollywood, i negoziati riprenderanno mercoledì

Nella giornata di mercoledì il Writers Guild of America, il sindacato statunitense degli sceneggiatori in sciopero dal mese di maggio, riprenderà i negoziati con l’Alliance of Motion Picture and Television Producers, l’associazione che rappresenta gli Studios e che include importanti case di produzione come Disney e Netflix. Dopo un mese di pausa dalle trattative, il WGA ha confermato l’incontro in una mail inviata ai suoi membri lunedì mattina. “Il WGA e l’AMPTP ora hanno un programma confermato per contrattare questa settimana, a partire da mercoledì” ha scritto il sindacato. “Potreste non avere nostre notizie nei prossimi giorni mentre staremo negoziando, ma sappiate che il nostro obiettivo è ottenere un accordo equo per gli autori il prima possibile. Vi ricontatteremo quando ci sarà qualcosa di significativo da segnalare”.

ALLA RICERCA DI UNA DIREZIONE COMUNE

Gli ultimi incontri tra le due parti risalivano alla fine di agosto, ma come riportato da Variety il WGA aveva allora espresso insoddisfazione per lo svolgimento delle trattative che non avevano prodotto alcun accordo. Come sostenuto dall’AMPTP, la scorsa settimana il WGA ha richiesto un incontro per portare avanti i negoziati. Nonostante i tentativi di dialogo, le posizioni delle due parti restano distanti in materia di streaming e di numero minimo di autori per la produzione di copioni, mentre i lievi progressi sulla regolamentazione dell’intelligenza artificiale non eliminano ancora il disaccordo sulla possibilità di usare il lavoro degli sceneggiatori per l’addestramento dei sistemi AI. In attesa di nuovi sviluppi, il doppio sciopero che ha coinvolto anche il SAG-AFTRA, il sindacato che rappresenta più di 160.000 attori statunitensi in sciopero da luglio, paralizza Hollywood con pesantissime perdite economiche.

Torna in alto