Di là dal fiume e tra gli alberi – Firenze

A Firenze, città per antonomasia del Rinascimento, le strade sono strette come i corsetti delle dame del passato, gelose forse di quell’ironia e narcisismo che possiedono solo i fiorentini. Una città raccontata in modo alternativo dal documentario in prima visione “Le strade di Firenze” di Luigi Maria Perotti, in onda domenica 16 luglio alle 22.00 su Rai 5.

I fiorentini sanno ridere di se stessi e delle proprie debolezze, ma allo stesso tempo si sentono superiori al resto del mondo. O quantomeno più ‘italiani’ degli italiani. E pensano che la fiorentinità non si possa imparare né imitare. Come una sorta di gene ereditario che si trasmette di generazione in generazione. Un po’ hanno ragione: Firenze trasuda storia, arte e architettura.
Poche città hanno avuto un impatto così determinante nello sviluppo dell’identità culturale dell’umanità. Sulle sponde di quel tratto dell’Arno si è svolta la vita di alcuni degli uomini a cui dobbiamo i pilastri della società attuale, quanto meno quella occidentale. Chi, oggi, residente o di passaggio, decide di immergersi nella magia senza tempo del suo centro storico, non può fare a mendo di incrociare lo sguardo marmoreo di Giotto, Dante, Leonardo da Vinci, Machiavelli, Leonardo da Vinci.

È forse un caso che questa città abbia avuto un ruolo determinate nella loro vita? Ha i suoi contrasti, certo: da un lato la raffinatezza di Palazzo Pitti, dall’altro la vivacità del Mercato Centrale, con bancarelle di ogni genere. Poi il Ponte Vecchio, appoggiato sull’Arno, sul quale brillano i vanitosi monili d’oro e d’argento.


Così il documentario cerca di raccontare come oggi i suoi abitanti declinino il concetto di fiorentinità. Partendo da quello che è il suo aspetto più brutale: il calcio storico fiorentino, una antica tradizione che incarna l’anima più verace della città. Una volta all’anno, si svolgono tre partite in cui i quattro quartieri connessi alle principali chiese del centro si incontrano a Piazza Santa Croce per affrontarsi in un gioco molto cruento fatto di poche regole e tanta rudezza.
I suoi partecipanti sono fiorentini doc che, solo per il fatto di poter onorare la storia della città, sono disposti a cimentarsi in una competizione altamente scenografica in cui hanno tutto da perdere e ben poco da guadagnare se non essere ricordati come interpreti dell’emanazione più carnale del luogo simbolo della bellezza senza tempo.


Partendo dalle storie di alcuni dei “calcianti” (questo è il nome con cui vengono indicati i giocatori del calcio storico), il documentario “dialoga” con le strade della città, che oggi parlano a chiunque abbia il tempo per osservare i dettagli lasciati dal passaggio del tempo. I protagonisti di questa puntata sono gli ultimi difensori di una identità culturale, che riconoscono alla propria città, messa ogni giorno a dura prova dai flussi del turismo globale, una personalità vivente, un’anima che sotto l’ammaliante aspetto estetico, cela una intensità sorprendente.

Exit mobile version