“Cristina Parodi su Giorgio Gori: «Una sfida sul lavoro, ma ancora mi sorprende»”

Cristina Parodi ha segnato un’epoca nel mondo televisivo italiano, dimostrando un coraggio pionieristico fin dai suoi esordi. È stata la prima volto del Tg5 e successivamente ha guidato il primo programma di infotainment del Paese, Verissimo, ottenendo il suo primo successo da star televisiva a soli 27 anni.

Ricorda con dettagli nitidi il giorno del suo debutto al Tg5, il 13 gennaio 1992, quando indossava un tailleur giallo canarino di Max Mara con bottoni gioiello. Il suo approccio era studiato come per un esame, aveva preparato i testi a mente, anche se sapeva che Enrico Mentana avrebbe potuto cambiarli all’ultimo momento, come poi accadde. Il loro intento era rivoluzionare il modo di fare telegiornale, puntando su una maggiore enfasi sulla cronaca e meno sui dibattiti politici.

La sua passione per il giornalismo era nata molto presto, già al liceo conduceva un programma musicale in una TV locale ad Alessandria. Durante gli anni universitari a Milano, si manteneva con diversi lavoretti, incluso il lavoro come speaker e hostess nei tornei di tennis. Il suo primo approccio con la televisione nazionale è avvenuto grazie al programma “Forza Italia” su Odeon TV, prima di approdare a Mediaset.

Il suo ingresso al Tg5 è stato inizialmente nel campo dello sport, per il quale ha dovuto “studiare” quotidianamente la Gazzetta dello Sport. Successivamente, quando Mediaset ha avviato il proprio notiziario, si è candidata per un ruolo di ancoraggio. L’incoraggiamento di Giorgio Gori, all’epoca direttore di Canale 5, ha confermato la sua decisione di intraprendere quella strada.

Nonostante sia stata una figura di spicco al Tg5, ha lasciato il programma due volte, la prima nel 1996 per condurre Verissimo. Tuttavia, la gestione di Canale 5 da parte di Gori ha complicato la sua permanenza, poiché ogni suo progresso professionale sembrava metterlo in imbarazzo. È stata solo grazie all’intervento di altri autori e produttori che è riuscita a ottenere il programma.

La sua storia d’amore con Giorgio Gori, diventato suo marito, è stata un’altra sfida. Nonostante il loro legame personale, il timore di favoritismi ha reso difficile il suo percorso professionale. Tuttavia, la loro unione è rimasta forte, caratterizzata da progetti condivisi e una profonda comprensione reciproca.

Dopo una breve esperienza a La7, Cristina è approdata alla Rai, contribuendo a programmi come La Vita in Diretta e Domenica In. Nonostante il successo, ha sempre privilegiato il tempo trascorso con la sua famiglia a Bergamo.

La sua chiave per una relazione di successo? Condividere idee e progetti, sapersi dare consigli e un po’ di fortuna. Per Cristina e Giorgio, l’intesa è ancora forte dopo trent’anni, e lui riesce ancora a sorprenderla, anche nei momenti più semplici della vita quotidiana.

Torna in alto