“Grande Fratello”: momenti di tenerezza e commozione tra Grecia e Vittorio

Al “Grande Fratello” tra Vittorio e Grecia si instaura un momento di tenerezza e commozione. I due concorrenti riflettono sul mondo dell’onirico e sembrano più uniti che mai. Una poesia recitata in spagnolo fa sciogliere la ragazza che apre il suo cuore al modello e si mostra fragile ed emozionata. Con dolcezza, lui invita l’amica a esprimere le proprie emozioni, senza frenarsi, o contenersi. Ogni tanto anche piangere fa bene.

La commozione di Grecia rappresenta uno spunto per parlare di argomenti più profondi, quali i sogni, la vita, l’eternità. Per il modello, nulla è più importante che lasciare un bel segno nei ricordi delle persone che si hanno accanto. I pensieri di Vittorio vagano, arrivando fino all’analisi dell’onirico. Qual è il confine tra sogno e realtà?. “Nei sogni, alla fine ci siamo solo noi” analizza il modello, esponendo efficacemente la propria teoria. Il sogno è legato a chi lo immagina, per questo è un’esperienza individuale destinata a concludersi con la fine di chi lo ha sognato. 

La realtà, invece, è qualcosa di molto più complesso, un intreccio di vite che coinvolge diverse persone. Le vite possono diventare dei ricordi, un sogno muore per sempre. Esiste un detto: una persona non muore una sola volta, bensì due, quando viene seppellita e quando viene pronunciato per l’ultima volta il suo nome. I ricordi sono quindi un’arma potentissima, che consentono ad alcuni uomini di vivere per sempre.

Grecia ascolta sognante, mentre le lacrime rigano il volto di Vittorio. La voglia di sognare e farsi ricordare è palpabile, così come il desiderio di rimanere indelebile nella mente di chi lo ama. E, come dice lui, non c’è niente di più bello di voler vivere per l’eternità. 

Torna in alto