RASPELLI su RAI 3 domenica 17 marzo alle 10.15 in una nuova puntata di “O ANCHE NO”

Una nuova puntata di “O Anche No”, programma di inclusione sociale, disabilità e diritti fondamentali realizzato con la collaborazione di Rai per la Sostenibilità e Rai Pubblica Utilità, andrà in onda domenica 17 marzo alle 10.15 su Rai 3 ed in replica all’1.15 circa della notte tra lunedì 18 marzo e martedì 19.

Cultura, turismo, sport, passioni e vita quotidiana: un racconto inclusivo che ci accompagnerà ogni domenica mattina fino alla prossima estate. Dopo le puntate di ”O Anche No estate” ecco la messa in onda di un’altra delle 38 puntate che accompagneranno lo spettatore in tutta la stagione 2023/2024. Tra l’altro la replica della prima puntata di O ANCHE NO ha toccato il notevole share del 4,9%, mentre nella mattina di domenica 19 novembre la normale messa in onda ha segnato ben 270.000 spettatori con il grande share del 3,9 %. Domenica 21 gennaio, ad esempio, il programma, nei due momenti, diurno e notturno, ha veleggiato tra il 3,5 ed il 4,1 % di share che sono cifre molto buone sia genericamente per RAI 3 sia dato il “particolare” argomento di cui O ANCHE NO “eroicamente e generosamente” si occupa.

Paola Severini Melograni intervista la campionessa paralimpica di nuoto Giulia Ghiretti. Un grave incidente sportivo arresta il suo sogno di giovanissima promessa della ginnastica artistica, rendendola paraplegica. Oggi è campionessa mondiale paralimpica di nuoto (con al collo 57 titoli italiani e 24 medaglie tra Olimpiadi, Mondiali ed Europei), veste i colori della Polizia ed è laureata in ingegneria biomedica.
L’Italia tiferà per lei alle Paralimpiadi di Parigi 2024: O Anche No sarà presente e racconterà come nel 2021 quando “O Anche No: Stravinco per la vita” ha ripercorso la nascita dei Giochi Paralimpici, avvenuta grazie a due grandi luminari della medicina sportiva del XX secolo: Ludwig Guttmann e Antonio Maglio.

Mario Acampa, a Paderno Dugnano (Milano), ci accompagna alla scoperta di Due punti a capo, una cooperativa sociale che è riuscita a cambiare il modo di fare grammatica e di relazionarsi con le persone, interessandosi alle specificità di ognuno e non alla loro diagnosi o disabilità: una grammatica della differenza che ha scardinato le norme tradizionali.

Ylenia Buonviso è a Roma, all’Istituto Leonarda Vaccari, per parlare insieme alla presidente Saveria Dandini De Sylva della storia e della missione dell’istituzione nata nel 1936 per aiutare i bambini che non potevano andare a scuola perché erano mutilatini di guerra, poliomielitici, disabili. Il progetto del Vaccari è rimasto sempre globale: laboratori, gite, vacanze, lavoro, ma non solo, vuole che la società entri e si metta in gioco con i ragazzi con disabilità.
Conosciamo insieme la onlus Teniamoci per mano: 800 volontari in tutto il territorio nazionale, attraverso la clownterapia, regalano sorrisi, gioia e terapia di supporto in diverse strutture, tra cui l’istituto romano.

Inoltre, la finestra Vedere oltre curata dal campione paralimpico Daniele Cassioli e le rubriche di Roberto Vitali, Ivan Cottini, Guido Marangoni ed Edoardo Raspelli.

Il cammeo di “Al ristorante con Edoardo Raspelli” è a ROVATO (Brescia) alla TRATTORIA QUATTRO ROSE di cui racconta i piatti ed analizza l’accessibilità.

Infine, la musica dei Ladri di Carrozzelle e i Disegni di Stefano Disegni.

O Anche No è un format di Paola Severini Melograni, scritto insieme ad Eugenio Giannetta e Valeria Zanatta, regia di Gabriele Mammarella, realizzato con la collaborazione di Rai per la Sostenibilità e Rai Pubblica Utilità.

Scroll to Top