Eredità Aretha Franklin, valido l’ultimo testamento: vincono tre fratelli

Sulla battaglia per l’eredità di Aretha Franklin c’è la parola fine. Una giuria del Michigan ha stabilito che il testamento valido della regina del soul, morta di cancro nel 2018, è quello del 2014 trovato sotto il cuscino di un divano, e non quello del 2010 rinvenuto nel cassetto chiuso a chiave di una scrivania. Vincono dunque tre figli su uno.

Una diatriba legale che aveva diviso i figli della cantante e che vede vincere tre di loro contro il terzogenito Ted White. “Ci voleva diseredare”, lo avevano accusato. Ted White sosteneva infatti che l’unico testamento valido fosse quello del 2010 che lo nomina unico rappresentante della fortuna della madre assieme ad una nipote, mentre Kecalf ed Edward Franklin, secondo e quarto figlio della star, asserivano che prevalesse la versione successiva.

In quelle carte è Kecalf ad essere nominato co-esecutore testamentario e a ereditare, assieme ai suoi nipoti, la villa della madre, una residenza da 1,2 milioni di dollari che l’avvocato di Edward ha descritto come “il gioiello della corona”.

Il patrimonio di Aretha Il patrimonio, composto da immobili e denaro, è stimato a poco meno di 5 milioni di dollari. Secondo la volontà di Aretha Franklin, i suoi vestiti devono essere messi all’asta. Il resto della proprietà ai figli.

Torna in alto