Il dolore di Corrado Guzzanti: “Sono stato truffato dal mio manager”

«Per un lungo periodo — dice Corrado Guzzanti, ricacciando indietro l’emozione con dei colpi di tosse — ho avuto difficoltà a dormire per gli incubi e gli scoppi di pianto nel sonno. Questa cosa mi imbarazza ma per fortuna, grazie alla mia compagna che mi è rimasta sempre vicina a farmi coraggio, con molta lentezza ho ripreso a vivere. Ero in difficoltà anche a fare la spesa. Nel 2014 me la sono cavata con due o tre lavori che mi hanno permesso di guadagnare abbastanza per pagare le tasse e la casa e sono stati come una specie di terapia per ripartire. Poi nel 2015 è arrivato un nuovo progetto».

Terminate le domande del pm Antonio Carlucci, l’attore prende fiato. Dice: «Sono stanco», spiega di aver bisogno di una pausa. Poi attende la fissazione della prossima udienza e non nasconde che volentieri eviterebbe di ritornare in un’aula del tribunale di Roma per il controesame delle difese, lui parte offesa di una presunta truffa milionaria per mano di quello che oltre a essere il suo socio e manager, Valerio Terenzio Trigona, riteneva un amico. «Ogni volta che viene pronunciato il suo nome è una pugnalata al cuore. Il trauma emotivo, posso dire ora a cinque o sei anni di distanza, è stato più forte di quello economico e finanziario».

Il decreto di citazione a giudizio riassume la complessità di una vicenda che per certi aspetti ricorda quella di sua sorella maggiore Sabina. Anche lei, assieme ad altre celebrità, fu vittima negli stessi anni di una truffa milionaria per mano del broker Gianfranco Lande, rinominato non a caso il «Madoff» dei Parioli. Tornando a Corrado, Trigona avrebbe agito assieme al suo dipendente, e presunto complice, Cesare Vecchio. Il primo nella qualità di produttore degli spettacoli di Guzzanti, il secondo come amministratore unico della Ambra srl. La truffa contestata nel processo ammonta a 400mila euro, ma come vedremo la cifra potrebbe essere molto superiore.

Conosciuto nel 1994 ai tempi di Tunnel, condotto su Rai Tre da Serena Dandini, Trigona, già impresario di big della canzone come Dalla, Morandi, Ron, Vanoni, convince Guzzanti ad affidargli la gestione di una parte cospicua dei suoi guadagni per investirli in titoli tedeschi dai rendimenti elevati e certi. Il manager riceve in tal senso una delega ad operare sui conti dell’attore, al quale garantisce di occuparsi anche del pagamento delle relative imposte. Trigona mostra a Guzzanti anche dei rendiconti/prospetti sui guadagni ottenuti con quegli investimenti, che negli anni, a suo dire, sarebbero arrivati a 6,5 milioni di euro.

E invece non solo i guadagni non ci sono, ma gli stessi bund tedeschi sono un’invenzione. Inesistente anche il conto di liquidità che Guzzanti crede di alimentare per le spese e dal quale Trigona, si legge nel capo d’imputazione, «effettua prelievi, dispone bonifici, effettua operazioni di giroconto e richiede assegni circolari», falsificando la firma dell’attore o facendola falsificare a Vecchio («ma lui ha solo eseguito», sostengono i legali Filiani e Petronzi). E Guzzanti si trova un debito di 900mila euro con l’erario.

Non solo. Secondo la procura, Trigona convince l’attore a saldare gli scoperti sul conto della sua Kipli Entertainment srl con gli introiti del film «Fascisti su Marte», tramite una fideiussione da 230mila euro. Ma il saldo non avviene e anzi, sfruttando la circostanza che le società Kipli e Amba dividono lo stesso indirizzo, l’imputato intercetta tutta la corrispondenza e i solleciti invitati dalla Bnl, raggiungendo con la banca, all’insaputa di Guzzanti, un accordo per rateizzare il debito. Almeno fino a quando l’attore non si vede recapitare un decreto ingiuntivo di pagamento e in seguito il pignoramento della sua abitazione alle spalle di viale Mazzini, quartiere Prati.

«Con Trigona — si legge nella denuncia dell’attore, assistito dall’avvocato Giuseppe Rossodivita — era nata una collaborazione professionale che ben presto era diventata anche una intensa amicizia contraddistinta, ritenevo purtroppo a torto, da un rapporto di reciproca fiducia. E invece hanno svuotato sistematicamente i miei conti bancari con la incredibile accondiscendenza degli operatori di sportello».

Giulio De Santis e Fulvio Fiano, Corriere della Sera

Tag:, , , ,