Domani andrà in onda, su Sky Arte alle 21 e 15, un documentario sul grande fumettista Hugo Pratt

Non ha mai fatto altro che il suo mestiere: creare fumetti. Hugo Pratt è nato in Italia il 15 giugno 1927 e morto in Svizzera il 20 agosto 1995. Ha vissuto quasi 25 mila giorni e disegnato oltre 15000 tavole. Nel documentario Corto Maltese – La doppia vita di Hugo Pratt diretto da Thierry Thomas e in onda in prima visione TV e in esclusiva venerdì 13 aprile alle 21.15 su Sky Arte HD (canale 120 e 400 di Sky) si va alla scoperta del genio multiforme del disegnatore italiano che con il suo eroe e alter ego Corto Maltese è diventato uno dei più grandi maestri del fumetto.
Dalle sue opere si evincono alcune parole-chiave legate alla sua vita: i viaggi, le avventure, l’esoterismo, il mistero, la poesia, la malinconia. I suoi collaboratori, i suoi amici e i suoi editori hanno rivelato in cosa secondo loro i suoi disegni si distinguevano dagli altri e qual era la natura del loro fascino. Tutti coloro che hanno conosciuto Pratt ne sono rimasti profondamente impressionati.

Quando Hugo Pratt disegna Corto Maltese comincia sempre dagli occhi: “Lui mi guarda e io lo guardo e insieme condividiamo questo momento, un momento di grande intimità in cui sembra volermi dire “Fai attenzione a ciò che mi farai dire” – confida l’artista nell’intervista. Corto e Hugo finiscono per confondersi al punto che è difficile dire chi dei due ha inventato l’altro.

ANSA

Tag:avventure, disegnatore, esoterismo, Fascino, hugo pratt, intimità, malinconia, mistero, momento, natura, poesia, viaggi

Exit mobile version