Fiorello a “VivaRai2!” annuncia di esser stato lui ad urlare: “Viva Italia antifascista”, seguito dal mancamento di La Russa.

“Viva l’Italia antifascista” l’urlo alla Prima della Scala, la risposta di Fiorello durante il suo programma mattutino“VivaRai2!“. Lo showman ha aperto la puntata ‘festiva’ parlando della Prima alla Scala di ieri: “Ieri ero a vedere il Don Carlo visto che Mattarella non poteva. Mi ha detto “ci vai tu?” e io sono andato e tornato con un aereo privato fornito dal Ministero della Cultura, sono state 4 ore e 13 minuti di applausi, sono andato al centro grandi ustionati per le mani…”.

Fiorello rivela: “Ad un certo punto, dopo l’inno italiano, non ce l’ho fatta e ho urlato “Viva l’Italia antifascista!”. La Russa ha avuto un mancamento, il sindaco di Milano Sala si è alzato a prendere un po’ d’acqua, la senatrice Liliana Segre gli teneva la fronte mentre il presidente del Senato diceva Liliana, aiutami tu! Tra l’altro stanno indagando perché si è sentito un altro urlo fortissimo: ‘Viva il Ponte sullo Stretto!’. Fiorello termina con l’inconsapevolezza su chi fosse stato! L’ironia togli fiato dello showman colpisce ancora.

Torna in alto