“Amici 2023”, Emanuel Lo e Celentano contro il compito di Todaro: “Una presa in giro”

Ad “Amici 2023” sono stati assegnati i primi compiti, che hanno portato scompiglio soprattutto tra i professori.

Alessandra Celentano e Emanuel Lo si sono infatti alleati contro Raimondo Todaro, giudicando la coreografia assegnata a Elia al di fuori della sua portata. Scintille anche tra Rudy Zerbi e Anna Pettinelli, con il discografico che ha criticato la scelta del brano da far cantare a Holy Francisco.

Il compito di Rudy Zerbi

Rudy Zerbi ha assegnato un compito al cantante Holy Francisco, il pupillo dal ciuffo rosso della collega Anna Pettinelli. “E’ la terza volta che ti scrivo, per colpa della signora Pettinelli che continua a evitare un compito dopo l’altro”, spiega Zerbi nella lettera indirizzata all’allievo. “Io continuerò a inseguirla, per metterla davanti alla verità. Anche per questo compito chiedo solo di cantare. Chiedo troppo?”.

Pettinelli a Zerbi: “Sei una carogna” 

Il professore aveva assegnato all’allievo “Il regalo più grande”, ma la collega ha deciso di sostituirlo con “Perdono”, un altro brano di Tiziano Ferro. Un cambio che non convince però Rudy: “E’ una canzone che tu non puoi cantare, ti dò 2. Chi deve chiedere perdono è lei a te, pensa che il ritmo ti aiuti ma non è così”. La replica della Pettinelli non si fa attendere: “Sei una carogna, secondo me l’ha fatta benissimo. Prendi la felpa, non ci interessa del 2”.

La coreografia di Elia

E’ il momento del ballo, con Raimondo Todaro che ha voluto mettere alla prova il ballerino di Emanuel Lo: “Caro Elia sono passate due puntate e faccio fatica a decifrarti. Hai uno stile personale, che per me è un pregio, ma non mi hai ancora convinto. Finora ti ho visto in coreografie che andavano incontro al tuo modo di essere. Ti assegno questo compito per capire se ci può essere dell’altro, è un modern contaminato con un po’ di tecnica. Voglio vedere se riesco a chiarirmi le idee”. 

Emanuel Lo: “Una presa in giro”

Dopo l’esibizione Todaro esprime il suo giudizio: “Ho apprezzato tanto la grinta e l’impegno, ma non posso darti la sufficienza. Non è abbastanza per avere lunga vita nella scuola”. Diversa l’opinione di Emanuel Lo: “Sei stato penalizzato dai salti, dai giri. A differenza di quanto dice Raimondo questa è una coreografia estremamente tecnica. Nel movimento mi piace come ti sei messo in gioco, come sei entrato dentro e mi è piaciuto. Grazie del compito, ma mi è sembrata una presa in giro”.

La difesa della Celentano 

Anche Alessandra Celentano è della stessa opinione. “Non c’era niente da capire, si sapeva già che non era pronto per questo. Meglio dire che gli davi il compito per dimostrare che non sapeva fare niente a parte il suo, almeno lo dichiaravi apertamente. Per uno che non ha mai studiato, ha fatto… ma non andava bene chiaramente”.

Exit mobile version