Tutti i vincitori dei David di Donatello 2020

L’8 maggio 2020 si è tenuta la 65esima edizione dei David di Donatello, la prestigiosa serata di gala che premia il meglio del cinema italiano. Un’edizione virtuale, quella dell’era Covid19, con i premiati collegati da casa e il solo Carlo Conti in studio, che arriva quando tutto il comparto cinema è completamente fermo. Il premio come Miglior Film è andato a Il traditore di Marco Bellocchio. Miglior attore protagonista Pierfrancesco Favino. Miglior attrice protagonista Jasmine Trinca. Ecco tutti i premi assegnati in serata.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è David-Di-Donatello.jpg

Un’edizione dei David di Donatello atipica, fuori dalla logica, quella di venerdì 8 maggio 2020. Condotta da Carlo Conti su Rai1, la serata dei David in tempo di coronavirus ha visto il presentatore districarsi in una situazione senza precedenti, senza pubblico e senza vincitori, collegati a distanza per ricevere i premi e “prendere il palco” virtualmente per i ringraziamenti. Carlo Conti l’ha raccontata così a Fanpage.it:

Un’edizione molto tecnologica e poco glamour. Niente red carpet, no agli ospiti sul palco e niente pubblico, saranno tutti collegati da casa e trasmessi su un maxi schermo che mi accompagnerà per tutta la serata. Leggerò le cinquine con i candidati e scopriremo i vincitori, che avranno poi modo di guadagnare lo schermo e dedicare il loro trionfo a chi vorranno. Un’edizione più fresca e moderna, soprattutto mai vista.

Sono 22 i premi David di Donatello consegnati nel corso della serata, ai quali va aggiunto quello speciale dato a Franca Valeri come riconoscimento per la sua lunga carriera. Tanti i film che quest’anno hanno dato lustro al cinema italiano, come i cinque candidati al premio come Miglior Film, da Il Traditore di Marco Bellocchio, a La Paranza dei bambini, passando per Il Primo Re, Martin Eden e Pinocchio, con Matteo Garrone tra i protagonisti anche quest’anno, dopo aver fatto incetta di premi nel 2019 con il suo Dogman

La 65esima edizione dei David verrà naturalmente ricordata per il momento storico in cui viene celebrata, ugualmente, nonostante l’emergenza Covid19 che ha messo in ginocchio l’intero sistema del cinema, dal comparto produttivo agli esercenti stessi, che attualmente non hanno una prospettiva definita rispetto alla ripresa delle attività. Si è trattato dunque di un’edizione dal particolare significato proprio in relazione al valore simbolico che assume nell’ottica delle speranze di ripartenza, per un settore che dà lavoro a migliaia di persone, dai tecnici agli assistenti, non solo le grandi star che finiscono sui manifesti.

Ecco a seguire tutti i premi della 65esima edizione dei David di Donatello 2020.

Ficarra e Picone vincono il David dello Spettatore. Il duo comico è intervenuto in collegamento. Ficarra ha ironizzato: “È la prima volta che siamo separati. Due mesi senza Picone non li ho mai passati. Sono stati rilassanti senza lui. Lui fa di tutto per farvi credere che è cretino e invece è stupido. È un libro aperto”. Picone ha ringraziato quanti sono andati a vedere il film permettendo loro di vincere questo riconoscimento: “Siamo contenti che tutta questa gente sia andata a vedere il nostro film”. Ficarra e Picone si sono detti speranzosi che presto si possa tornare nelle sale.

Miglior film
Il traditore di Marco Bellocchio. Il regista è apparso entusiasta: “Ho vinto tre David in una serata, bel record”. Poi ha spiegato di rappresentare tutti coloro che hanno lavorato alla realizzazione del film, il merito è di tutti e ha concluso con una riflessione: “Bisogna vivere al meglio la propria vita, senza perdere tempo. Dobbiamo farlo anche per coloro che non ci sono più”.

Miglior regia
Marco Bellocchio per il film Il traditore. Bellocchio ha commentato: “Sono contento per me stesso, per gli attori, per gli altri candidati. Mi fermo qui perché non vorrei dimenticare qualcuno. Cosa aggiungere…ho 80 anni e spero di fare per un po’ di anni altri film che mi entusiasmano”. La famiglia, poi, lo ha abbracciato.

Migliore attore protagonista
Pierfrancesco Favino
per il film Il traditore. La moglie Anna Ferzetti lo ha sorpreso con un bacio. L’attore, poi, ha raccontato un aneddoto: “Volevo raccontare un piccolo aneddoto. Prima del lockdown ho incontrato una signora, che ci ha tenuto a fermarmi per dirmi che aveva visto un film al cinema nel quale c’ero anche io che poi era passato in televisione e lo aveva rivisto. Andando via mi ha detto una bellissima cosa: ‘Torni presto a trovarci’ e io tornando verso la mia macchina ho sentito tante cose, tenerezza, gratitudine, orgoglio, l’orgoglio di appartenere alla categoria degli uomini dello spettacolo, che sono persone che sono state capaci di rialzare la testa sempre e che, come ha ricordato il nostro Presidente, spesso sono riusciti anche a dettare la strada della rinascita. Vorrei dire a questa signora che tutti quanti noi non vediamo l’ora di poter tornare a farle visita, di venirla a trovare presto e sono sicuro che chi deve fare in modo che questo accada lavorerà giorno e notte perché questo avvenga e non vediamo l’ora di poterlo fare. Questa signora aveva una certa età e c’è un’altra signora di una certa età alla quale io vorrei dedicare questo premio e si chiama Stella Favino ed è mia mamma, grazie”.

Migliore attrice protagonista
Jasmine Trinca
per il film La dea fortuna. L’attrice ha espresso la sua stima alle altre candidate, poi, ha preso un cartonato di Angelina Jolie e ha ironizzato: “Viene lei al posto di mia figlia che non vuole comparire”. Poi, però, la piccola Elsa si è convinta e le ha dato un abbraccio velocissimo. Jasmine Trinca ha ringraziato tutti coloro con cui ha lavorato e ha aggiunto commossa: “Dedico il premio a tutti coloro che non solo mi hanno cresciuto ma che si sono presi cura di me”.

Migliore attrice non protagonista
Valeria Golino
vince come Migliore attrice non protagonista con ‘5 è il numero perfetto’. L’attrice, che si è detta “emozionata e felice” ha commentato: “Dedico il premio all’Italia e a tutti noi, per questo tempo fragile e potente. Grazie alla tecnologia abbiamo potuto rincontrarci. È una gran bella cosa. L’anno prossimo però spero possiamo rivederci, gioire insieme, abbracciarci, baciarci e fare le cose belle che si fanno nella vita. Questa edizione credo che verrà ricordata non solo da me che ho vinto questo premio”. 

Migliore attore non protagonista
Luigi Lo Cascio
con il film Il traditore. I suoi bambini hanno fatto irruzione, esultando con lui. L’attore poi ha ringraziato la troupe e gli addetti ai lavori e ha aggiunto: “Voglio dedicare il premio a un attore che ci ha lasciato, Luigi Maria Burruano, che è mio zio. Poi lo dedico ai migliaia di lavoratori nello spettacolo, chissà quando torneremo. Spero che come tutti gli altri lavoratori non verremo dimenticati”.

Migliore sceneggiatura originale
Marco Bellocchio – Ludovica Rampoldi – Valia Santella – Francesco Piccolo, Il traditore. In rappresentanza, è intervenuta Ludovica Rampoldi che ha commentato: “È un peccato non potersi abbracciare in questo momento. La quarantena ha dimostrato che le serie, i libri, i film leniscono il nostro dolore. Grazie ai creatori di storie”.

Migliore sceneggiatura non originale
Maurizio Braucci
Pietro Marcello, Martin Eden

Miglior produttore
Grøenlandia – Rai Cinema – Gapbusters – Roman Citizen – Con Rai Cinema, Il primo re

Migliore canzone originale
La Dea Fortuna
(“Che Vita Meravigliosa” – Musica e testi di Antonio Diodato –  Interpretata da Diodato)

Migliore musicista 
L’orchestra Di Piazza Vittorio – Il Flauto Magico Di Piazza Vittorio

Miglior regista esordiente 
Phaim Bhuiyan
per Bangla. Il regista ha ammesso: “Sono un po’ sconvolto”.

Migliore autore della fotografia 
Daniele Ciprì
, Il primo re

Miglior scenografia
Dimitri Capuani
, Pinocchio

Miglior costumista
Massimo Cantini Parrini
, Pinocchio

Miglior truccatore
Dalia Colli
Mark Coulier (Trucco Prostetico), Pinocchio

Miglior acconciatore
Francesco Pegoretti, Pinocchio

Miglior montatore
Francesca Calvelli, Il traditore

Miglior suono
Il primo re

Migliori effetti speciali visivi
Theo DemerisRodolfo Migliari, Pinocchio

Miglior documentario di lungometraggio
Selfie di Agostino Ferrente

David giovani
Mio fratello rincorre i dinosauri


Andrea Parrella, Fanpage.it

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,