Stranizza d’amuri, Beppe Fiorello omaggia Franco Battiato a Domenica In

Beppe Fiorello ha omaggiato Franco Battiato a Domenica In cantando “Stranizza d’amuri”, classico tenerissimo ed eterno di Franco Battiato. Il brano racconta di quella capacità che ha l’amore di sopravvivere in qualunque situazione e in qualsiasi contesto: “ccu tuttu ca fora si mori” e “ccu tuttu ca fora c’è ‘a guerra”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Beppe-Fiorello-e1610287218315.jpg

Beppe Fiorello ha omaggiato Franco Battiato a Domenica In, nella puntata del 10 gennaio 2021, anticipando lo spettacolo musicale e teatrale che andrà in onda in diretta lunedì 11 gennaio 2021 su Rai1. Stranizza d’amuri è una delle canzoni incluse nell’album L’era del cinghiale bianco, un disco tra i più stratificati e complessi della produzione del cantautore catanese.

Un grande momento, una canzone tenerissima e senza tempo, che sarà ripetuto anche nello spettacolo Penso che un sogno così. “Una canzone particolarmente importante”, ha detto Beppe Fiorello, “in un momento in cui sembra che fuori ci sia una guerra”.

Il significato di Stranizza d’amuri
La “stranizza d’amuri” di cui scrive e canta Franco Battiato è quella sensazione, quella capacità che ha l’amore di sopravvivere in qualunque situazione, in qualsiasi contesto. Probabilmente, Stranizza d’amuri è una delle canzoni più belle della produzione di Franco Battiato. Le immagini vivide descritte nella canzone, che parte con “i carritteri”, i carrettieri che nei valloni di Scamacca lasciavano i loro bisogni, ci riporta immagini di una vita che, per molti, non esiste più: la caccia alle lucertole da ragazzini, la scuola che è finita, i saggi ginnici. E la stranezza d’amore: quella che quando ci si incontra per strada, ti vengono le scosse nel cuore “ccu tuttu ca fora si mori”, nonostante fuori si muoia, “ccu tuttu ca fora c’è ‘a guerra”, nonostante fuori ci sia la guerra.

Il testo di Stranizza d’amuri
‘Ndo vadduni da Scammacca
I carritteri ogni tantu
Lassaunu i loru bisogni
E i muscuni ciabbulaunu supra
Jeumu a caccia di lucettuli…
‘A litturina da ciccum-etnea
I saggi ginnici ‘u Nabuccu
‘A scola sta finennu.
Man manu ca passunu i jonna
Sta frevi mi trasi ‘nda lI’ossa
‘Ccu tuttu ca fora c’è ‘a guerra
Mi sentu stranizza d’amuri… I’amuri
E quannu t’ancontru ‘nda strata
Mi veni ‘na scossa ‘ndo cori
‘Ccu tuttu ca fora si mori
Na’ mori stranizza d’amuri… I’amuri.

Gennaro Marco Duello, Tv.fanpage.it

Tag:, , , , , ,