Micaela Ramazzotti e il matrimonio con Paolo Virzì: “Siamo in una fase delicata”

La coppia aveva già affrontato un periodo di separazione nel 2018 e ora si trova a fronteggiare una nuova crisi

Micaela Ramazzotti rompe il silenzio dopo le voci che la volevano in via di separazione da Paolo Virzì e al settimanale Grazia conferma: “Il nostro matrimonio è in una fase delicata”. Sono marito e moglie dal 2009 e già qualche anno fa avevano attraversato un periodo di lontananza.

Le voci che volevano Micaela Ramazzotti e Paolo Virzì al capolinea circolavano da un po’. Il settimanale Diva e Donna aveva parlato di una rottura definitiva tra l’attrice e il regista e ora lei spiega a Grazia: “In tutti i matrimoni esistono momenti difficili e il nostro è in una fase delicata. Con Paolo stiamo collaborando per gestire questa situazione nel migliore modo possibile ed è per questo che spero che la nostra privacy sia rispettata da tutti”.

La crisi nel 2018 

Micaela Ramazzotti e Paolo Virzì avevano attraversato una profonda crisi nel 2018. Avevano annunciato la fine del loro matrimonio con un comunicato e avviato le pratiche di separazione senza mai svelare le cause dell’allontanamento. Dopo circa un anno però la scintilla era scoccata di nuovo e la coppia aveva deciso di darsi una seconda chance.

L’amore tra Micaela Ramazzotti e Paolo Virzì

Micaela Ramazzotti e Paolo Virzì si sono conosciuti nel 2007 sul set del film “Tutta la vita davanti” (il primo a cui hanno collaborato, seguito da “La prima cosa bella” e “La pazza gioia”). Tra loro è stato colpo di fulmine e due anni dopo sono arrivate le nozze: “Provenivamo da due mondi diversi ma, in qualche modo, ci siamo ‘riconosciuti’. Ho sentito che c’era qualcosa in lui e lui lo stesso in me” aveva detto in passato l’attrice ricordando gli inizi della loro storia. I due sono genitori di Jacopo, 13 anni, e Anna, 10. “I rapporti evolvono nel tempo. Fioriscono, crescono, vanno a onde” ha detto Micaela riguardo alla loro relazione, lasciando aperta la porta alla speranza di un futuro insieme a Paolo.

Torna in alto