“Leoncillo: una fiamma che brucia ancora”

Un artista riscoperto

A lungo trascurato dal mercato, l’artista Leoncillo Leonardi solo nel 2018 è stato consacrato da due importanti aste internazionali. A lui è dedicato il documentario “Leoncillo: una fiamma che brucia ancora” di Simona Fasulo, in onda lunedì 8 gennaio alle 19.25 su Rai 5. Una personalità complessa, un uomo che dedica l’intera sua vita all’arte e che per le sue sculture dense e sofferte rimane fedele a materiali poveri come creta e ceramica. Un artista che lotta per mantenere l’indipendenza della sua opera e delle sue idee, sia quando – antifascista dichiarato – deve sopportare, insieme all’amatissimo fratello Lionello, l’uscita da Spoleto, sia quando – militante nel Pci da sempre – ne esce dopo i fatti d’Ungheria. Le sue sculture sono anche politiche e suscitano vespai e polemiche in epoche in cui la discussione politica era viva e fremente. Cesare Brandi lo ha definito “uno dei tre grandi scultori italiani con Manzù e Martini”.

Torna in alto