PIPPO BAUDO: GLI 80 ANNI DEL RE DELLA TIVÙ ITALIANA

pippo_baudoAprile 1960. “Baudo Giuseppe di anni 24. Fantasista. Buona presenza. Buon video. Discreto nel canto. Suona discretamente il pianoforte. N.B.: può essere utilizzato per programmi minori”. Tocca scartabellare negli archivi Rai e andare indietro di cinquantasei anni per trovare questa chicca, la scheda del provino di Pippo Baudo – nato Giuseppe Raimondo Vittorio Baudo – firmata da quel gigante di Antonello Falqui conLino Procacci. Da lì comincia la storia televisiva del conduttore più longevo della tivù italiana, lo batte solo Piero Angela, che festeggia proprio oggi i suoi 80 anni. Un compleanno davvero speciale, come speciale è stata la sua carriera, sempre da numero uno tra programmi culto, 13 Festival di Sanremo, polemiche, scivoloni e inaspettate rinascite televisive.

Nato a Militello (Catania) il 7 giugno 1936, laureato in Giurisprudenza, Pippo Baudo comincia a lavorare in radio e tv negli anni Sessanta e la svolta arriva nel ’66: a causa di una bobina difettosa di Rin Tin Tin, la Rai manda in onda la puntata pilota diSettevoci e il successo è così clamoroso che Ettore Bernabei lo mette subito in programmazione. Da lì al primo Sanremo, nel ’68, il passo è breve è scatta una carriera inarrestabile che passa per titoli miliari della tivù italiana come Canzonissima e Senza rete per approdare poi aDomenica In, nel ’79 ci arriva al posto di Corrado, che lo consacra come icona nazionalpopolare.

Il passo successivo è la conquista dei mitologici sabato sera conFantastico, emblema dell’ultimo grande varietà all’italiana, nel quale lancia grandi personaggi come Heather Parisi, Lorella Cuccarinie ancora Beppe Grillo che proprio durante Fantastico 7 si lascia scappare una battuta sui socialisti di Craxi che costano a Baudo il posto in Rai. Così Pippo approda a Canale 5 ma dopo appena due anni rientra in Rai e ricomincia non senza difficoltà la scalata al successo, fino al record di cinque Sanremo consecutivi, dal ’92 al ’96. A causa di un’inchiesta giudiziaria lascia nuovamente Mamma Rai per Mediaset ma l’esperienza si rivela fallimentare: la crisi sembra definitiva, ma Baudo non si abbatte e ricomincia dal teatro e poi da Rai 3 con Giorno dopo Giorno e torna sulla rete ammiraglia prima con Novecento poi con altri tre Festival, l’ultimo nel 2008, un anno dopo il divorzio da Katia Ricciarelli, che archivia 18 anni di matrimonio. L’ultimo programma? Il viaggio, nel 2013, su Rai 3 poi a seguire il ruolo di giurato nel talent Si può fare condotto da Carlo Conti, da molti considerato il suo erede.

Per festeggiare il compleanno di Pippo Baudo, Rai Storia manda in onda questa sera una programmazione tutta dedicata al mattatore della tv italiana. Si comincia alle 21.30 con il documentario Pippo Baudo, la cultura si fa spettacolo, di Enrico Salvatori, un ritratto inedito del conduttore tra carriera televisiva e vita privata. Alle 22.30 si passa a iVarietà, il programma di Rai Cultura che racconta i varietà storici targati Rai tra gli anni ’70 e ’90: questa sera tocca a Fantastico, con alcune delle annate emblematiche condotte proprio da Baudo. Chiude l’anniversario, alle 23, una sintesi della puntata di Fantastico 7– trasmessa da Rai 1 il 4 ottobre ’86 – in cui il conduttore ospitò Tina Turner, Gigi Proietti , Cocciante e la Vanoni. Rai Movie lo festeggia invece con potremo andare avanti per qualche ora, ma il rischio della tanto temuta celebrazione è dietro l’angolo perciò conviene limitarsi a farti gli auguri. A nome di tutti gli adepti del “baudismo”, dei tele-dipendenti, di chi cerca il tuo erede ma ancora non l’ha trovato, di chi ti ha invidiato e detestato e di chi non ha mai capito come riuscissi nella più clamorosa delle imprese per un personaggio di spettacolo: continuare a stare in tivù anche quando lo schermo è spento. Auguri Pippo, auguri fantasista! 

Panorama

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,