Damiano in versione “seria” per sostenere Giorgia in un flash mob (e alla Camera) sulla vulvodinia

Il cantante dei Maneskin in piazza con la fidanzata per il riconoscimento della patologia

Elegantissimo in giacca e cravatta al fianco della sua fidanzata Giorgia Soleri. Damiano, il cantante dei Maneskin, non è voluto mancare a un appuntamento così importante per la donna che ama. Ed è sceso in piazza, davanti a Montecitorio, per un flash mob per il riconoscimento della vulvodinia e neuropatia del pudendo. La proposta per il riconoscimento di queste patologie è stata depositata alla Camera e al Senato.

L’iniziativa è nata raccogliendo le istanze della società civile e delle attiviste e ha ottenuto l’appoggio di gran parte dei gruppi parlamentari intervenuti in conferenza stampa alla Camera: Partito Democratico, Movimento 5 Stelle, Forza Italia, Italia Viva, Lega Nord, Coraggio Italia, +Europa.

“Sono qui come alleato – spiega Damiano – Quello che posso fare è cercare di aiutare con la mia visibilità, ma il grande lavoro lo stanno facendo le donne del comitato. Non ci resta che sperare nella politica: che faccia il suo lavoro e che lo faccia al meglio”.

La prima volta “che ho parlato in terapia del mio dolore è stato solo quando ho avuto finalmente una diagnosi”, spiega la Soleri, l’influencer che soffre da tempo di vulvodinia, come da lei stessa raccontato sui social. “Non avere una diagnosi non permette di dare un nome al proprio dolore. Ho iniziato a soffrire a 16 anni e mi ci sono voluti otto anni per avere un nome per quel dolore: quello che oggi mi auguro è che le prossime Giorgia adolescenti non debbano aspettare così tanto senza una terapia”, ha concluso. 

Exit mobile version