L’amica Geniale chiude con 7 milioni e guarda al futuro

Andreatta, in fase di scrittura il terzo capitolo, è la bella tv

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è lamica-geniale.jpg

Le vicende di Lila e Lenù raccontate nell'”Amica geniale“, anche nella seconda stagione della fiction (“Storia del nuovo cognome“), tratta dalla quadrilogia dei bestseller (e/o) di Elena Ferrante, si confermano tra le più amate dal pubblico televisivo. Gli ultimi due episodi, trasmessa lunedì 2 marzo su Rai1, sono stati seguiti rispettivamente da 7 milioni 110mila spettatori il primo (25.81 per cento di share) e da 6 milioni 757mila spettatori (31.05 per cento) il secondo.
Nelle ultime due puntate, Fantasmi e La fata blu, le due amiche sono lontane. Gli anni all’università di Pisa hanno trasformato Elena (Margherita Mazzucco) in una ragazza elegante, colta e disinibita. Tornata a casa per le vacanze trova molti cambiamenti nel rione. Lila (Gaia Girace) è sempre più avvilita e sfiduciata e dedica tutta la sua energia nel suo ruolo di madre del piccolo Rinuccio. Rientrata a Pisa, Lenù si concentra sullo studio, ma è distratta da ricordi e dalle pagine scritte dalla sua amica.
Con questi dati di ascolto la serie di Saverio Costanzo, per due episodi (quelli girati ad Ischia) firmata anche da Alice Rohrwacher (Lazzaro felice), sorella della nota attrice Alba che qui aveva il ruolo di voce narrante, si proietta direttamente nel futuro. La domanda che molti si pongono adesso è: vedremo una terza stagione? E quando? A sciogliere il dubbio e il direttore di Rai Fiction Eleonora Andreatta che conferma che la terza stagione è in fase di scrittura. “L’eccellente conclusione di Storia del nuovo cognome – sottolinea – conferma la grande accoglienza e la continuità dell’ascolto da parte del pubblico in tutte le sue fasce e con dati importanti nei segmenti femminili, nei laureati (oltre il 35%) e in tutte le classi socio-economiche. Ha vinto la bella televisione, quella del racconto di sentimenti profondi come l’intensità anche dolorosa di un’amicizia e la forza aspra e generosa della vita. Un lavoro di questa qualità non può che nascere da una comunione di intenti e dal più alto livello creativo, professionale e produttivo. La potenza dei romanzi di Elena Ferrante e la regia innovativa e sfidante di un autore come Saverio Costanzo. E poi, con loro nella scrittura, Francesco Piccolo e Laura Paolucci, e la squadra dei produttori – con Rai Fiction, Fandango, The Apartment, Wildside e HBO – che hanno permesso a una storia italiana di competere con il meglio della fiction internazionale. E infine grazie a loro, a Lenù e Lila, a Margherita Mazzucco e Gaia Girace, due indimenticabili e vitalissime compagne di viaggio nel nostro immaginario. Intanto, il nostro lavoro continua con la terza stagione che è in scrittura”.
Il terzo capitolo della saga, intitolato “Storia di chi fugge e di chi resta”, si svolge negli anni ’70. Elena-Lenù sta per sposarsi con Pietro quando torna a Napoli e scopre che Lila sta male a causa del massacrante lavoro in fabbrica. Le loro vite poi si separano. Elena torna a Firenze, si sposa e ha due figlie, Adele ed Elsa, ma il matrimonio non funziona. A Napoli, Lila si fidanza con Enzo e lo aiuta a studiare informatica: diventano due programmatori. Nel rione, però, il clima sociale rimane molto teso e Lila chiede a Elena di ospitare suo figlio Gennaro per l’estate. Nino Sarratore, intanto, ritorna nella vita di Elena, diventandone l’amante e spingendola a separarsi da Pietro.
Le giovani interpreti avevano dichiarato di essere sotto contratto durante la conferenza stampa di presentazione, lasciandosi sfuggire che, se fosse stato confermato il terzo capitolo, sarebbero state presenti solo nelle prime due puntate e poi sostituite con attrici più adulte. Su chi dovrebbe prendere il loro posto si fa largo il nome della stessa Alba Rohrwacher nel ruolo di Lenù, ma è un ipotesi, la sua versione anziana dovrebbe essere invece Elisabetta De Palo, comparsa in un flash forward nella scena d’apertura del primissimo episodio.
Niente invece sul ruolo della Girace.
Intanto, la serie arriva negli Stati Uniti: My Brilliant Friend (questo il titolo internazionale) è trasmessa da Hbo e la seconda stagione, The Story of a New Name, va in onda negli Usa dal 16 marzo.

Ansa.it

Tag:, , , , , , , , , , , , ,