I due Papi, tra Hopkins e Pryce sfida d’attori

“La cosa piu’ difficile e’ ascoltare la sua voce”. “C’e’ un detto: Dio corregge un Papa dando al mondo un altro Papa. Voglio ammirare la sua opera”. Le parole di Benedetto XVI rivolte al Cardinale Bergoglio ne I due papi, il nuovo film Netflix in sala il 2 dicembre (e poi dal 20 dicembre in streaming). The Two Popes, applaudito al Toronto International Film Festival è anche una sfida d’attori: Anthony Hopkins che interpreta Papa Benedetto XVI e Jonathan Pryce che e’ invece il Cardinale Bergoglio futuro Papa Francesco. Il film, diretto da Fernando Meirelles (regista di City of God e The Constant Gardener – La cospirazione), e’ scritto da Anthony McCarten, gia’ sceneggiatore di La teoria del tutto, L’ora piu’ buia e Bohemian Rhapsody.
    Racconta la storia intima di uno dei passaggi di potere piu’ drammatici degli ultimi duemila anni.
    Frustrato dalla direzione intrapresa dalla Chiesa, il cardinale Bergoglio (Pryce) chiede il permesso di ritirarsi a Papa Benedetto (Hopkins). Di fronte al rischio di scandalo e al dubbio, Papa Benedetto convoca invece il suo critico piu’ duro, nonche’ suo futuro successore a Roma, per rivelare un segreto destinato a scuotere le fondamenta della Chiesa Cattolica.
Dietro le mura Vaticane, inizia una lotta tra tradizione e progresso, senso di colpa e perdono. Questi due uomini molto diversi affrontano il loro passato per trovare un terreno comune e costruire il futuro di un miliardo di fedeli in tutto il mondo. Il film biografico è ispirato a fatti reali: parte dall’elezione di Joseph Ratzinger nel 2005 per raccontare il suo abbandono del papato otto anni dopo, seguito dall’elezione di Bergoglio costretto a confrontarsi con le difficoltà di prendere il ruolo di pontefice. Uno sguardo intimo su un periodo di svolta storico per la Chiesa Cattolica. 

ANSA

Tag:, , , ,