Gerard Depardieu si difende dalle accuse di stupro: “Mai abusato di una donna”

Gerard Depardieu si difende dalle accuse di stupro e giura di non aver “mai abusato di una donna”.

E’ quanto scrive in una “lettera aperta” al quotidiano “Le Figaro” l’attore francese, sotto inchiesta per “stupro” e “violenze sessuali”. L’artista 74enne ha visto diversi suoi spettacoli interrotti o disturbati dalle proteste di militanti femministe: “Non posso più permettere quello che sento, che leggo su di me da qualche mese. Ma di fronte al tribunale mediatico mi resta soltanto la mia parola”.

Ecco perché è uscito allo scoperto

Per questo, dopo aver osservato il silenzio sulle accuse che gli sono state mosse, ha deciso di uscire allo scoperto. “Credevo di potermene fregare – scrive Depardieu – ma no, non è così. Tutto questo mi colpisce. Peggio ancora, mi spegne. Oggi non posso più cantare canzoni di Barbara (la celebre artista francese, cantautrice ed attrice, ndr) perché una donna che voleva cantarle con me mi accusa di stupro. Vi dico, finalmente, la mia verità. Mai, nel modo più assoluto, ho abusato di una donna”.

La verisone di Depardieu

Ed ecco la sua versione: “Una donna è venuta da me una prima volta, con il passo leggero, salendo nella mia stanza di sua volontà. Oggi afferma di essere stata stuprata. C’è tornata una seconda volta. Fra noi non c’è stata mai né costrizione, né violenza, né proteste. Lei voleva cantare con me le canzoni di Barbara al Cirque d’Hiver. Le ho detto di no. E lei mi ha denunciato”. La donna, attrice, è Charlotte Arnould, era forse “sotto l’influsso” di qualcuno o qualcosa? Si chiede Depardieu. Ma risponde: “Tutti siamo sotto l’influenza di qualcuno o qualcosa. Io stesso sono influenzato: dal mio Dna, dalla famiglia, dalla società, dal denaro, dallo spettacolo, dall’alcool, e dal cinema”.

La sua parola davanti al tribunale mediatico

“Per tutta la mia vita – scrive ancora – sono stato un provocatore, esagerato, a volte volgare. Davanti al tribunale mediatico, al linciaggio che mi viene riservato, posso opporre soltanto la mia parola. Vedere che a concerti dopo concerti, degli estremisti, senza riguardo, mostrano cartelli calunniosi, sporcare, vandalizzare, interrompere urlando le canzoni di Barbara, questa donna profondamente femminista, significa seppellirla un’altra volta”.

Torna in alto