Che fine ha fatto Fanny Cadeo?

Ex velina ed ex presenza fissa nel cast di Buona Domenica: dov’è oggi?

Inquadriamo per un attimo il fenomeno Fanny Cadeo nel suo habitat naturale. Siamo nel 2003 e su Canale 5 va in onda il contenitore Buona Domenica presentato da Maurizio Costanzo. La trasmissione rappresenta un tipo di televisione che cerca il punto di equilibrio tra puro intrattenimento, informazione e attrazione per il trash. L’idea di Costanzo è quella di ospitare alcune personalità emergenti che non hanno un preciso talento artistico eppure sono capaci di raccontare agli spettatori un’emozione, uno stato d’animo, un umore passeggero. Il presentatore ha quindi il ruolo di infallibile direttore d’orchestra che lima le esagerazioni e incoraggia i caratteri più vincenti. Qui fa il suo ingresso Fanny Cadeo: attrice, cantante ed ex velina.
Nata nel 1970 a Lavagna in Liguria si fa conoscere in Italia per il ruolo di velina di Striscia la notizia, dove lavora nelle edizioni 1992, 1993, 1994. In questa fase professionale sfrutta più l’immagine che le capacità personali. Con una punta di esotismo si fa chiamare Fanny invece di Stefania ed è bella e prorompente. Più tardi dimostrerà di avere altri talenti. Dopo l’esperienza a Striscia appare in diversi programmi stranieri. Il portale Wikipedia cita l’ospitata nello show di Thomas Gottschalk in Germania, la realizzazione di singoli come la cover di Mambo italiano (1993) prodotta da Joe T. Vannelli e altri brani come I want your love (1994) e Living in the night (2000) prodotto da Max Moroldo e Roberto Santini.
Nel 1995 ha il suo primo ruolo da coprotagonista nel film western Trinità & Bambino… e adesso tocca a noi! per la regia di E.B. Clucher. Poi è protagonista della fiction Racket con Michele Placido per la regia di Luigi Perelli.
Nel 2003 entra a far parte del cast fisso di Buona Domenica. L’anno successivo è protagonista insieme a Laura Freddi e Claudio Lippi della sitcom Condominio per la regia di Beppe Recchia. Nel 2005 partecipa alle fiction per Rai 1 Il Grande Torino per la regia di Claudio Bonivento e Grandi domani per la regia di Vincenzo Terraciano. Da quest’anno in avanti abbandona progressivamente la televisione per il teatro. Sempre nel 2005 è impegnata a teatro accanto a Platinette in Passerelle – Polvere di stelle, per la regia di Mino Bellei. Nel 2006 è parte del cast Sex in the City, per la regia di Fabio Crisafi, per il quale riscuote un grande successo come attrice teatrale.
E oggi? 
 L’ultima presenza registrata è del luglio 2017 quando la Cadeo diviene volto pubblico di una battaglia civile sui diritti della comunità LGBT. È stata infatti madrina al Gay Village di Roma in occasione della premiazione degli Italian Gaymes, i giochi arcobaleno a cura di GAYCS. In tale occasione ha voluto portare la sua testimonianza di donna e di madre ‘tardiva’ – la prima figlia è arrivata a 43 anni – dicendo: “Sono anche io una mamma single eppure me la cavo”. Come a dire che un’altra genitorialità è davvero possibile. Impegnata, oltre che bella anche se un po’ ‘desaparecida’.
Alessia Laudati, film.it

Tag:, , , ,